The Pirate Bay offline da cinque giorni, ecco le alternative



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2018]

pirate bay offline alternative

Da quando è passata dallo storico dominio thepiratebay.se a thepiratebay.org, il più famoso sito di torrent ha avuto una vita difficile: periodicamente è scomparso dalla Rete, per poi generalmente ricomparire a distanza di qualche ora.

Adesso, però, sono ormai cinque giorni che The Pirate Bay non risponde, e la cosa per molti sta diventando preoccupante anche perché non ci sono notizie chiare: non si sa se si tratti di un problema tecnico, di un attacco o di qualche altro motivo.

Nemmeno i forum ufficiali contengono una risposta definitiva, salvo una rassicurazione: The Pirate Bay non è morta.

Il sito infatti è ancora vivo e attivo nel dark web, e tutti coloro che usano Tor Browser o hanno configurato il proprio Pc per accedere alla rete Tor possono raggiungerlo all'indirizzo .onion.

Chi per qualsiasi motivo non volesse o non potesse accedere a Tor può comunque utilizzare gli altri tracker ancora in attività (per scaricare materiale legale, naturalmente).

Nonostante negli ultimi mesi infatti ci sia stata una moria tra i siti di torrent, alcune vecchie glorie e nuove proposte tuttora sono perfettamente utilizzabili.

Sondaggio
Il numero di multe per l'utilizzo di smartphone alla guida è aumentato del 18% nel primo semestre 2017. Il direttore del servizio di Polizia Stradale propone il ritiro della patente fin dalla prima infrazione, con una sospensione di un minimo di 15 giorni. Sei d'accordo?
No

Mostra i risultati (2127 voti)
Leggi i commenti (15)

La prima che citiamo è una vecchia gloria: si tratta di KickassTorrents, sito che ha subito anch'esso lunghi periodi di downtime ma al momento è operativo. L'unica attenzione da avere è non finire nei siti-truffa realizzati a sua immagine e somiglianza: il solo indirizzo corretto è katcr.co.

Un'alternativa in circolazione da parecchio tempo è Rarbg. Si tratta di uno dei tracker BitTorrent più anziani, noto anche per offrire ai propri visitatori comodità come anteprime e thumbnail dei contenuti.

Citiamo infine TorLock, che sostiene di ospitare soltanto torrent «verificati al 100%»: qui, insomma, sarebbe impossibile scaricare fake.

I gestori sono tanto sicuri del loro slogan da arrivare a ricompensare con il premio di 1 dollaro quanti dovessero riuscire a individuare un file contraffatto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Funziona. Ottimo articolo. Il secondo indicato ad oggi è attivo. Grazie.
10-4-2020 19:33

Interessante
27-11-2019 10:54

L'articolo e' stato molto interessante! Grazie
12-3-2019 12:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1976 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics