Il pirata accusato ingiustamente adesso vuole i danni

E le major dovranno pagare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-08-2018]

pirata accusato ingiustamente risarcimento

La storia recente del diritto d'autore online è piena di case discografiche o cinematografiche che intentano indiscriminatamente cause a destra e a manca, spesso mancando di vere prove.

Basta che un indirizzo IP venga incluso in un'indagine per pirateria e, per lo più, gli avvocati si mettono immediatamente in moto denunciandone l'intestatario, anche se non hanno alcun elemento concreto della sua colpevolezza.

A quel punto, di solito il destinatario della denuncia, colpevole o no ma già preoccupato a causa dei documenti ricevuti, finisce con l'accordarsi in via extragiudiziale con l'accusatore, in sostanza pagando per essere scagionato.

Nello Utah (USA) c'è però un uomo che ha deciso di non recitare la parte assegnatagli. Darren Brinkley, accusato lo scorso anno di aver scaricato il film Criminal via BitTorrent insieme ad altre 31 persone, s'è innanzitutto dichiarato innocente; poi ha rifiutato di chiudere la questione fuori dal tribunale, e ha contrattaccato.

La casa produttrice di Criminal s'è detta pronta alla battaglia legale fino a quando non s'è accorta che Brinkley faceva sul serio. Non appena i legali dell'uomo hanno mostrato di aver preparato le bozze dei documenti necessari per costringere il produttore a scoprire le proprie carte (incidentalmente mettendo il naso nei suoi affari), il caso è stato lasciato cadere «come se fosse stato una patata bollente».

«In breve» - ha dichiarato l'avvocato di Brinkley - «se il caso fosse andato avanti, il mio cliente è certo che sarebbe emerso che il querelante non aveva agito in buona fede sin dal principio, e che le accuse erano state fatte in malafede».

Sondaggio
Pensi che il carpool dinamico (passaggi a utenti che fanno lo stesso percorso organizzandosi via web o smartphone) sia una buona soluzione per diminuire il traffico e abbassare i costi?
E' una buona idea, a patto che sia sicuro, il costo sia basso e non si debba essere legati ad alcun utente.
Non credo che funzionerà in Italia.
Non ne sono sicuro, ma potrebbe funzionare.
Controllerei le referenze dell'autista designato prima di salire sulla sua auto. Ma utilizzerei il servizio.
Parteciperei volentieri perché è un'ottima idea!
Potrei usufruirne, anche per ridurre l'inquinamento, anche se ho la mia auto. Qualche volta potrei fungere da autista.

Mostra i risultati (1427 voti)
Leggi i commenti (16)

Il produttore di Criminal avrà anche deciso di ritirarsi in buon ordine, ma Brinkley non ha voluto lasciare che la vicenda finisse in nulla, anche perché aveva le parcelle degli avvocati da pagare.

Così ha citato il suo ex-querelante, chiedendo un risarcimento di 62.818,35 dollari (circa 52.200 euro): la cifra è stata ottenuta sommando le spese legali sostenute dall'inizio della vicenda e fornendo tutti i dettagli in merito.

Ora resta da vedere se il tribunale gli darà ragione, ma ci sono buone possibilità: in un caso analogo un cittadino del Nevada (USA) s'è visto risarcire con oltre 48.000 dollari (oltre 41.000 euro).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'ira di EA si abbatte sul clone open source di SimCity 2000
In carcere l'uomo che cercava di allungare la vita ai vecchi Pc
Dove vanno a finire le foto mandate tramite WhatsApp?
Ex attrice a luci rosse chiama in causa i pirati
Smascherato circuito di pirati cinematografici: gli addetti ai lavori di Hollywood
UK, 10 anni di prigione ai pirati del web
I sottotitoli sono pirateria? Gestore sito fansub rischia condanna
Mediaset fa condannare Yahoo per violazione di copyright
YouTube condannata per aver infastidito un Piccolo Orso Bruno

Commenti all'articolo (2)

Forse a volte ci si dovrebbe opporre alla tosatura come fatto dal protagonista di questa vicenda e non è detto che sempre poi si perda... anzi, sovente, le accuse delle major sono infondate o, quantomeno, non adeguatamente supportate da prove sufficienti ed attendibili.
13-8-2018 18:50

{carova}
Storie per far sentire meglio il popolo bue tosato da tutti...
8-8-2018 20:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2007 voti)
Ottobre 2018
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Tutti gli Arretrati


web metrics