Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare

Il sistema operativo userà OneDrive per liberare spazio su disco.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-09-2018]

oneDrive

Da qualche tempo in qua, Microsoft sta legando Windows 10 sempre più strettamente a OneDrive, il proprio servizio cloud di archiviazione di file.

Sin dal Fall Creators Update, OneDrive utilizza i file segnaposto che permettono di riprodurre in locale l'intera struttura delle directory remote, mentre i singoli file vengono scaricati e resi disponibili localmente soltanto quando l'utente ne ha bisogno (per esempio cliccandovi sopra due volte per aprirli).

Ciascuno può poi decidere di indicare determinati file affinché siano comunque sempre disponibili offline, oppure preferire che le copie locali vengano rimosse.

Dal prossimo mese parte di queste attività verrà gestita in automatico dal sistema utilizzando la funzione Sensore Memoria (Storage Sense), già presente anch'essa in Windows 10 da tempo.

Sensore Memoria, accessibile dalle Impostazioni, è l'evoluzione della vecchia utilità Pulizia Disco, oggi deprecata: si occupa di svolgere tutte le funzioni di questa ma anche di gestire lo spazio in autonomia, per esempio rimuovendo i file più vecchi presenti nel Cestino e nella cartella Download.

Sondaggio
Secondo te qual è l'estensione più utilizzata in Italia, tra le ultime nate?
.app
.art
.casa
.cloud
.design
.holiday
.hotel
.online
.shop
.srl
.store
.web

Mostra i risultati (1184 voti)
Leggi i commenti (1)

L'integrazione con OneDrive farà sì che sia Sensore Memoria a decidere di quali file tenere una copia in locale e di quali invece conservare soltanto il segnaposto, lasciando il vero contenuto nel cloud: per esempio, i file adoperati da pochi giorni saranno tenuti, mentre quelli più vecchi saranno cancellati.

Il sistema non agirà indiscriminatamente: se avrà spazio sufficiente per operare, lascerà in pace i file. Ma se lo spazio per le normali funzioni inizierà a scarseggiare, allora comincerà l'opera di pulizia (mantenendo naturalmente i segnaposto) fino a che la memoria disponibile non tornerà a dimensioni accettabili, e rispettando comunque le impostazioni inserite manualmente dall'utente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10 sottrarrà all'utente alcuni Gbyte di "spazio riservato" per l'update
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
App creative e integrazione con OneDrive
Accedere ai file da remoto con OneDrive
Microsoft, da SkyDrive a OneDrive

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Vorrei capire da dove viene questo articolo e se chi l'ha scritto ha poi verificato quanto ha scritto. Premetto che non sono un fan di winzozzo ma devo fare di necessità virtù. L'articolo dice " Dal prossimo mese parte di queste attività verrà gestita in automatico dal sistema utilizzando la funzione Sensore Memoria (Storage... Leggi tutto
18-9-2018 09:28

Ah, io sono tranquillo fino a che posso ancora permettermi di scegliere a quale porcata sottostare e a quale no. Per la massa, come giustamente sottolineate, non si può far nulla per cui... amen. :wink:
17-9-2018 18:36

{gipo}
Tranquillo Gladiator, la gente si è abituata alle peggio cose nel corso del tempo, vedrai che dopo qualche sporadica protesta tutto si acquieterà e diventerà normale affidare la ripartizione dei file al SO. D'altra parte il SO esiste anche per questo...
16-9-2018 09:32

{depurator}
@ Gladiator Noi credevamo che Ballmer fosse il top della psicopatia, ma Nutella lo batte di diverse lunghezze. Da quando c'è lui M$ ha fatto balzi in avanti notevoli, riprendendo terreno dopo le deviazioni operate da Ballmer. La maggior parte delle azioni di Nutella sono porcate, ma il mercato, leggi gli utenti, è... Leggi tutto
15-9-2018 17:32

I malware targati M$ crescono e si moltiplicano in continuazione. Questa comunque è decisamente grossa, arrogarsi il diritto di decidere al posto dell'utente cosa archiviare in locale e cosa spostare sul cloud supera di gran lunga tutte le porcate precedenti... :roll:
15-9-2018 13:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (1916 voti)
Febbraio 2019
Blu-ray in declino, Samsung cessa la produzione di lettori
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Tutti gli Arretrati


web metrics