CCleaner si aggiorna automaticamente, anche se l'utente non vuole

''L'abbiamo fatto per il vostro bene'' spiega Avast.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-09-2018]

ccleaner

Non c'è dubbio circa il fatto che, da quando Avast ha acquisito Piriform, CCleaner ha perso un po' di fan soprattutto a causa di politiche poco chiare e considerate dagli utenti poco rispettose della privacy, per non parlare delle violazioni.

A quanto pare però Avast non sembra prendere molto sul serio lo scontento degli utenti, che vorrebbero uno strumento sul quale avere il controllo completo e non un programma che all'improvviso può agire a loro insaputa.

Le proteste relative alla raccolta di dati operata dalla versione 5.45 è stata placata con il rilascio della versione 5.46, ma anche quest'ultima non è immune da problemi.

Molti utenti hanno iniziato a segnalare che essa si aggiorna da sola, automaticamente, anche se il proprietario ha espressamente annullato gli aggiornamenti automatici, come dimostra il video di BleepingComputer che riportiamo più sotto.

Interrogata in proposito, Avast ha ammesso il comportamento ma, com'è di prassi in questi casi, ha sostenuto di averlo fatto per il bene degli utenti.

Sondaggio
Cosa fai se l'antivirus non ti permette di installare un programma?
Disattivo temporaneamente l'antivirus per installare il programma che considero affidabile
Non installo il programma. Forse ce n'è un altro simile cercando su Internet
Creo regole di esclusione per le applicazioni di cui sono sicuro/a

Mostra i risultati (1305 voti)
Leggi i commenti (11)

«Con il rilascio della versione 5.46 abbiamo aggiornato alcuni utenti a questa versione per rispettare alcuni requisiti legali e concedere loro maggiore autonomia e trasparenza per quanto riguarda le impostazioni sulla privacy. L'aggiornamento assicura che gli utenti abbiano una versione rispettosa del GDPR» ha spiegato l'azienda.

Insomma, l'aggiornamento automatico è stato deciso per far sì che tutti gli utenti di CCleaner avessero una versione compatibile con la più recente normativa europea sulla privacy. Il che non sarebbe neanche male, probabilmente, se solo gli utenti fossero stati avvisati prima.

Avast in effetti riconosce che avrebbe potuto fare di meglio, e ha fatto sapere che in vista della prossima mossa elaboreranno «una soluzione migliore che offra maggiore trasparenza e garantisca agli utenti un maggiore controllo».

Bisognerà però vedere se, con tutti questi passi falsi, a quel punto qualche utente sia rimasto.

Di seguito, il video che mostra come CCleaner si aggiorni anche se gli aggiornamenti automatici sono disattivati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
CCleaner, pioggia di critiche per la raccolta dei dati degli utenti
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto

Commenti all'articolo (4)

Quoto! Leggi tutto
22-9-2018 15:09

{emanuele}
ci sono un sacco di utility sia gratuite che a pagamento che permettono di bloccare gli aggiornamenti automatici (che mangiano un sacco di linea)basta usare quelli
20-9-2018 17:38

{tirone}
Un po' incoerente scandalizzarsi per queste cose, visto che ormai un po' tutti se ne fregano dei settaggi degli utenti. Addirittura ormai le aziende possono cancellare da remoto libri, film e app a volontà, tanto hanno ogni diritto, scritto in piccolo nei contratti che nessuno può leggere, scritti in burocratese e... Leggi tutto
20-9-2018 17:03

Uso ccleaner (free) raramente, perciò non mi serve il monitoraggio attivo e tutte le attività che tiene aperte in background. Mi basta giusto una pulita di file temporanei ogni tanto per liberare un po' di spazio. Ho notato, dopo il fattaccio del malware, che ogni volta che viene aggiornato riattiva tutti questi monitor che avevo... Leggi tutto
20-9-2018 15:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1403 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics