Qualcomm accusa Apple di aver rubato segreti industriali per passarli a Intel



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2018]

qualcomm contro apple

Si aggrava la battaglia tra Qualcomm e Apple, con la prima che accusa la seconda non soltanto di averle rubato dei segreti industriali ma anche di averli condivisi con Intel.

Le due aziende sono già da tempo in lotta perché Qualcomm sostiene che Apple abbia violato gli accordi sottoscritti una decina di anni fa: in base a essi Qualcomm avrebbe dovuto poter analizzare il codice sorgente degli strumenti software usati da Apple, ma l'azienda di Cupertino non l'ha mai permesso.

Di qui la citazione in giudizio per violazione degli accordi, cui ora si aggiunge la divulgazione di segreti industriali.

Nella fattispecie, secondo l'accusa Apple avrebbe rivelato a Intel il codice sorgente di quegli stessi strumenti software oggetto della prima causa, aiutando in tal modo il gigante di Santa Clara - e potente rivale di Qualcomm - a superare alcuni problemi tecnici nei propri chip.

Qualcomm sostiene di avere le prove, sotto forma di scambi di email, del passaggio regolare di codice sorgente e di altre informazioni segrete dai tecnici di Apple a quelli di Intel, il tutto allo scopo di migliorare le prestazioni dei chip radio di Intel stessa.

Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (338 voti)
Leggi i commenti

«È evidente» - scrive Qualcomm - «che Apple ha dato il via a una campagna durata anni di false promesse, di segretezza e sotterfugi allo scopo di rubare informazioni confidenziali e segreti industriali a Qualcomm per migliorare le prestazioni dei modem di qualità inferiore».

Inizialmente, nei propri prodotti - iPhone e iPad - Apple adoperava chip Qualcomm per gestire le funzionalità di connessione alla rete. Poi, dopo l'inizio della vertenza legale, è passata a Intel.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Surface Go doveva avere un processore ARM. Ma poi Intel s'è opposta
Windows 10 su Arm? Intel non ci sta
Microsoft e Qualcomm portano Windows 10 su ARM
Intel, svolta verso il mobile

Commenti all'articolo (1)

{zurre}
Ci sono dei refusi nell'articolo. In un mondo di iene come quello alto-manageriale (solo la politica e lo spettacolo sono peggio), non faccio fatica a immaginare che tutti spiino tutti. Faccio molta fatica ad immaginare il contrario...
27-9-2018 12:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3340 voti)
Febbraio 2019
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Blu-ray in declino, Samsung cessa la produzione di lettori
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics