Qualcomm accusa Apple di aver rubato segreti industriali per passarli a Intel



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2018]

qualcomm contro apple

Si aggrava la battaglia tra Qualcomm e Apple, con la prima che accusa la seconda non soltanto di averle rubato dei segreti industriali ma anche di averli condivisi con Intel.

Le due aziende sono già da tempo in lotta perché Qualcomm sostiene che Apple abbia violato gli accordi sottoscritti una decina di anni fa: in base a essi Qualcomm avrebbe dovuto poter analizzare il codice sorgente degli strumenti software usati da Apple, ma l'azienda di Cupertino non l'ha mai permesso.

Di qui la citazione in giudizio per violazione degli accordi, cui ora si aggiunge la divulgazione di segreti industriali.

Nella fattispecie, secondo l'accusa Apple avrebbe rivelato a Intel il codice sorgente di quegli stessi strumenti software oggetto della prima causa, aiutando in tal modo il gigante di Santa Clara - e potente rivale di Qualcomm - a superare alcuni problemi tecnici nei propri chip.

Qualcomm sostiene di avere le prove, sotto forma di scambi di email, del passaggio regolare di codice sorgente e di altre informazioni segrete dai tecnici di Apple a quelli di Intel, il tutto allo scopo di migliorare le prestazioni dei chip radio di Intel stessa.

Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (326 voti)
Leggi i commenti

«È evidente» - scrive Qualcomm - «che Apple ha dato il via a una campagna durata anni di false promesse, di segretezza e sotterfugi allo scopo di rubare informazioni confidenziali e segreti industriali a Qualcomm per migliorare le prestazioni dei modem di qualità inferiore».

Inizialmente, nei propri prodotti - iPhone e iPad - Apple adoperava chip Qualcomm per gestire le funzionalità di connessione alla rete. Poi, dopo l'inizio della vertenza legale, è passata a Intel.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Surface Go doveva avere un processore ARM. Ma poi Intel s'è opposta
Windows 10 su Arm? Intel non ci sta
Microsoft e Qualcomm portano Windows 10 su ARM
Intel, svolta verso il mobile

Commenti all'articolo (1)

{zurre}
Ci sono dei refusi nell'articolo. In un mondo di iene come quello alto-manageriale (solo la politica e lo spettacolo sono peggio), non faccio fatica a immaginare che tutti spiino tutti. Faccio molta fatica ad immaginare il contrario...
27-9-2018 12:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1503 voti)
Ottobre 2018
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Tutti gli Arretrati


web metrics