Rapinatore contatta la vittima su Facebook per scusarsi... e si fa arrestare



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2018]

rapinatore facebook

Facebook non fa molto bene ai criminali. In passato ci sono già stati casi di ladri che sono stati catturati perché, mentre svaligiavano una casa, avevano perso tempo a navigare su Facebook, lasciando dietro di sé le proprie tracce digitali.

In un altro caso, il social network è arrivato a suggerire il malvivente come amico alla vittima, consentendo così di effettuare l'arresto.

Lo scorso agosto la carriera di un altro criminale è stata rovinata da Facebook e, a dire la verità, anche da uno scrupolo di coscienza del ladro stesso.

Il fatto è avvenuto a Reading, in Pennsylvania (USA), dove un uomo ha rapinato a mano armata la ragazza delle consegne a domicilio di una pizzeria locale, portandole via sia il cibo che il denaro che aveva con sé.

Fin qui si tratterebbe soltanto di un caso di cronaca spiacevole ma fin troppo comune. La faccenda diventa invece quasi surreale una ventina di giorni dopo, quando la giovane si vede recapitare via Facebook una richiesta d'amicizia da parte di uno sconosciuto.

Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1965 voti)
Leggi i commenti (15)

Un'occhiata alla fotografia del profilo è però sufficiente per favorire il riconoscimento dell'ignota persona: si tratta infatti dello stesso uomo che l'ha rapinata circa tre settimane prima.

Inizialmente la ragazza è sospettosa, credendo che il tizio che la stava contattando stesse semplicemente adoperando un falso profilo (con una fotografia sottratta chissà dove) come capita non troppo di rado per portare a termine qualche scam.

L'uomo ha però continuato a insistere, fornendo il proprio nome completo e affermando di averla contattata per scusarsi per la rapina. La giovane a quel punto ha accettato l'amicizia e ha fatto ciò che chiunque dotato di buon senso farebbe in un caso analogo: ha portato lo smartphone alla polizia.

Rapidamente l'uomo è stato identificato e arrestato, mentre la conversazione ora servirà come prova per il processo che avrà prossimamente luogo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook rivela le identità nascoste di pazienti, clienti, ladri e vittime
Rapinatore catturato: Facebook l'ha suggerito alla vittima come amico
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Rapinatore scovato grazie a MySpace

Commenti all'articolo (1)

Se si pente non mi sembra troppo adatto a fare il mestiere del rapinatore... poi, considerando la stupidità, è meglio se lascia proprio perdere. :roll:
26-10-2018 18:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il prodotto più obsoleto tra questi?
Il lettore DVD da salotto: sta per fare la fine del videoregistratore VHS.
L'iPod: ormai la musica si ascolta con lo smartphone.
Il Blackberry: ha pochissime app, ormai ha fatto il suo tempo.
Angry Birds: ormai la moda è passata.
Un telefonino che non sia smartphone: esistono ancora?
L'auricolare Bluetooth: è bruttissimo a vedersi.
Lo smartwatch, per lo meno quelli di prima generazione: brutti e limitati.
Il Nintendo Wii: non può competere con l'Xbox One e la PS4.

Mostra i risultati (1887 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics