Microsoft spammerà consigli non richiesti agli utenti di Office 365



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-11-2018]

office 365 microsoft spamma consigli email

L'annuncio sta arrivando in questi giorni agli amministratori di Office 365 per le aziende: a partire dal 29 novembre Microsoft invierà direttamente ai singoli utenti, via email, trucchi e consigli su come usare al meglio la suite.

In ambito aziendale, gli amministratori sono coloro che hanno il controllo completo sulla famiglia di prodotti Office 365 installata: sono loro che gestiscono gli utenti e le applicazioni.

Dalla fine di questo mese, però, Microsoft li aggirerà e inizierà a spedire i propri consigli direttamente a ciascuno: l'annuncio di cui parlavamo all'inizio, infatti, non chiede il permesso degli admin ma si limita a segnalare l'avvio dell'iniziativa decisa a Redmond.

Agli amministratori, per fortuna, verrà almeno concessa la possibilità di disattivare questa nuova funzionalità tramite il centro di amministrazione.

Come molti già stanno facendo notare nel web, gli admin preferirebbero che Microsoft non si arrogasse il diritto di attivare caratteristiche a proprio piacimento lasciando ai gestori soltanto il potere di dissociarsi in un secondo tempo: essendo amministratori, vorrebbero essere loro a decidere in prima persona che cosa somministrare agli utenti.

Sondaggio
Qual è la cosa peggiore per un programmatore?
La modifica delle specifiche
I clienti
Debuggare
Scrivere documentazione
Il codice scritto da altri
La fase di test

Mostra i risultati (3847 voti)
Leggi i commenti (11)

Peraltro, la somiglianza di questa iniziativa con una campagna di spam non è sfuggita a nessuno: su Reddit c'è già chi ha ironicamente commentato dicendo «Non vedo l'ora che i miei utenti mi girino queste email e mi chiedano se sia spam o phishing».

Per impedire l'invio di email da Microsoft, gli admin dovranno aprire l'interfaccia di amministrazione di Office 365, quindi selezionare Impostazioni -> Servizi -> Comunicazioni all'utente finale.

Lì ci sarà un cursore che, per ora, è posizionato su Off. Il 29 novembre però dovrebbe esso autonomamente muoversi su On: chi non desidererà far ricevere i messaggi ai propri utenti dovrà ricordarsi di verificare che la funzione resti disattivata anche oltre la data fatidica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Se sono utili e pertinenti come quelli di W10 penso sia meglio stendere un velo pietoso, definirlo spam penso sia riduttivo. :roll: Leggi tutto
5-11-2018 18:47

Assai probabile... anzi praticamente certo! :twisted: Leggi tutto
5-11-2018 18:46

{Alberto}
Mi domando come si ponga Microsoft in merito al GDPR. Penso che nessun utente finale (persona fisica) abbia dato il consenso all'invio di comunicazioni con finalità di Marketing, ne abbia ricevuto la relativa informativa come da articolo 14 del GDPR. Forse vale la pena di chiedere l'intervento del Garante.
5-11-2018 14:07

Che poi già me li vedo a mandare suggerimenti al cliente mooolto pertinenti e dettagliati. Pensando di essergli utile. E invece magari gli faranno finalmente capire quanto sia profonda la tana del bianconiglio (per chi ha visto Matrix) ovvero quante informazioni gli siano state carpite con la telemetria obbligatoria e come mai win10... Leggi tutto
3-11-2018 18:32

Ottima notizia. Con questa genialata da malati di mania di protagonismo, forse riusciranno a far scappare ancora più aziende verso LibreOffice. Che tecnicamente magari non sarà all'altezza, ma per quieto vivere si affronta qualsiasi cosa.
3-11-2018 18:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (414 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 novembre


web metrics