Il bug di Chrome che manda in freeze Windows 10

E gli scammer ne stanno già approfittando.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-12-2018]

bug chrome freeze windows 10

Di recente è stato scoperto un nuovo bug in Chrome, il browser di Google che detiene la palma di più utilizzato al mondo.

Del particolare codice Javascript può infatti essere usato per creare un loop infinito che inizia a consumare le risorse del sistema fino a occuparle completamente: a quel punto anche il sistema operativo cede, e il dispositivo si blocca.

Ciò che rende particolarmente interessante - e pericoloso - questo bug è che gli scammer hanno già iniziato ad approfittarne per spaventare gli utenti.

La truffa funziona così: quando si visita un sito usato dagli scammer appare in Chrome un popup che millanta di provenire dal sito di supporto di Microsoft.

Il messaggio contenuto nel popup è un classico esempio di terrorismo psicologico: afferma che nel computer è stato installato un malware in grado di sottrarre i dati della carta di credito, le password, la cronologia e altre informazioni personali.

C'è di più: a quel punto il computer inizia davvero a comportarsi in maniera strana. Prende infatti a rallentare e a non rispondere più prontamente ai comandi, perché gli autori della truffa stanno sfruttando il bug di Chrome per simulare un malfunzionamento.

Lo script, grazie al problema del browser, è realizzato in maniera tale da far ripartire il loop anche se il popup viene chiuso e a riaprirlo, anche se l'utente clicca sull'opzione Impedisci alla pagina di aprire altre finestre di dialogo.

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro č un computer offline.

Mostra i risultati (5073 voti)
Leggi i commenti (48)

L'idea è che, vedendo quanto sta succedendo, l'utente si lasci prendere dal panico e segua le istruzioni dello scammer (tipicamente chiamando il numero di telefono indicato nel popup per farsi «aiutare a risolvere il problema»), cadendo così definitivamente nella rete.

Chi riesce a conservare il sangue freddo può uscire indenne dalla trappola - prima che Windows 10 si blocchi - semplicemente aprendo il Task Manager (Gestione Attività) e uccidendo il processo di Chrome.

Al momento di riavviare il browser, ovviamente, non bisognerà ripristinare le schede che erano aperte in precedente, pena il dover ripetere da capo l'intera operazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Il video che crasha l'iPhone

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Pensa che io non prendo virus e non pago nessun produttore di antivirus... :lol: Leggi tutto
6-1-2019 10:09

Premi CTRL+SHIFT+ESC, si aprirā la finestra della "Gestione Attivitā", a quel punto vai nella sezione "Processi"(dove dovresti giā esserci) e fai clic con tasto destro del mouse su "Google Chrome" o "chrome.exe" e selezioni "Termina attivitā" o "Termina processo". Potrebbe... Leggi tutto
2-1-2019 13:31

Ninomastro , fai Ctrl+Maiusc+Esc e poi clicca "termina attvitā" e poi riapri
28-12-2018 19:26

Domanda interessante alla quale mi associo anche se non uso W10. Leggi tutto
28-12-2018 14:52

{Graziano}
Di sicuro non ascolto quello che mi viene comunicato chissà da chi, e dato che nel pc ho Norton Security e Malwarebytes Premium, mi affido a loro. Infatti non ho mai avuto problemi di virus e Malware nel sistema.
28-12-2018 09:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1133 voti)
Gennaio 2019
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Un futuro senza chiavette USB
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Il Pc con schermo e tastiera dentro il mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Tutti gli Arretrati


web metrics