Windows 10 si installò a forza; adesso Microsoft deve risarcire l'utente

Dopo l'aggiornamento da Windows 8.1, il Pc smise di funzionare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2019]

windows 10 aggiornamento forzato risarcimento

Quando lanciò Windows 10, nel 2015, Microsoft fece davvero di tutto per convincere gli utenti ad aggiornare il loro vecchio sistema operativo all'ultimissima versione.

A ben vedere, fu un tentativo di convincimento che rasentava la coercizione, tra scaricamenti a tradimento dei file di installazione, popup che definire insistenti sarebbe un delicato eufemismo e addirittura installazioni forzate, riconosciute però come errori del programma di aggiornamento.

Alcuni utenti si seccarono ben presto di tanta protervia made in Redmond e decisero di fare causa all'azienda, avviando procedimenti legali che in molti casi sono tuttora in corso.

Una di queste cause, però, è terminata. Ha avuto luogo in Finlandia e l'ha avviata un uomo che nel 2016 si ritrovò il proprio Pc, originariamente dotata di Windows 8.1, non soltanto aggiornato a Windows 10 ma anche non funzionante proprio a seguito del passaggio.

Le telefonate al supporto tecnico - peraltro comuni a quel tempo, e in realtà anche ogni volta che viene distribuito un aggiornamento semestrale - non risolsero il problema in alcun modo: così l'uomo si rivolse a un avvocato.

Sondaggio
In quale di questi campi necessiti di maggiore aiuto per il tuo business online personale o aziendale?
SEO, ranking e analytics.
Link Html, generazione sitemap, metatag e generazione QR Code.
Logo, foto, grafica e temi.
Progettazione del sito e organizzazione.
Normativa fiscale.
Soluzioni di pagamento, Paypal e Google Merchant.
Business plan.
Creazione del negozio virtuale o dell'app.
Pagina Facebook collegata.
Pagine di affiliazione.

Mostra i risultati (409 voti)
Leggi i commenti (2)

Chiese 3.000 euro di danni. Dopo la valutazione del caso e la constatazione del fatto che l'aggiornamento è avvenuto senza autorizzazione, ora gli sono stati riconosciuti 1.100 euro, che Microsoft ora dovrà sborsare.

Il gigante americano è infatti stato ritenuto responsabile per i danni causati al computer dopo l'installazione di Windows 10, e dovrà anche compensare le spese di riparazione e di viaggio sostenute dall'uomo per riavere un computer utilizzabile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Per il principio potrà anche essere un passo avanti ma, nella sostanza, sa più di presa per i fondelli per il poveraccio che si è ritrovato da un momento all'altro senza poter utilizzare il suo PC. Non sarà certo una sanzione come questa che indurrà M$ ad essere più prudente nel presentare i suoi atteggiamenti prevaricatori nei... Leggi tutto
12-1-2019 15:32

Considerato che avrà dovuto pagare l'avvocato, e tecnici informatici per fare delle perizie, cosa gli sarà rimasto? Potevano almeno riconoscere tutti i 3000 euro richiesti, che per M$ sono comunque un caffè. Anche se mi pare di ricordare che W10 si scaricasse sul pc, ma che per essere installato gli si dovesse comunque dare l'ok.... Leggi tutto
11-1-2019 11:39

Troppo pochi. Considerato che nel frattempo non ha usato il pc, diventato una prova per il processo, sono pochi.
10-1-2019 17:52

La differenza tra nazioni serie e l'Italia
10-1-2019 17:02

{utente anonimo}
1.100 euro? Bruscolini, il gioco non vale la candela e non danneggia Microsoft assolutamente. Certo c'è il danno di immagine ma le alternative sono Mac (che costa un'ira di Dio) o Linux dove devi scervellarti e non hai a disposizione tutta la suite di programmi presenti su Windows. Peggio ancora se Windows è... Leggi tutto
10-1-2019 09:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In che modo installi nuove applicazioni sul computer?
Clicco su «Avanti-Avanti-Accetto-avanti...» quasi senza leggere
Leggo attentamente tutti le avvertenze e modifico le impostazioni se necessario
Di solito non installo applicazioni per conto mio

Mostra i risultati (1438 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics