Hai criticato Mark Zuckerberg? Allora forse Facebook ti sta già tracciando

Di certo sei finito sulla lista nera ''Be On Lookout''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2019]

facebook lista bolo

Vi è mai capitato di criticare, insultare, o addirittura minacciare Mark Zuckerberg o un altro dei dirigenti di Facebook sul social network stesso?

Se l'avete fatto, allora siete finiti su una speciale lista nera e, se davvero vi siete spinti a formulare minacce, ci sono buone possibilità che il personale di sicurezza del social network abbia iniziato a seguire i vostri spostamenti.

Non è lo scenario di un film distopico ambientato in un mondo in cui Facebook ha assunto il controllo ma, secondo quanto riporta CNBC, esattamente quanto accade già oggi.

Alcuni ex dipendenti di Facebook, intervistati da CNBC, hanno ammesso che dal 2008 la piattaforma mantiene una lista di quanti scrivono commenti negativi e, in qualche caso, vi associa anche gli spostamenti fisici, ricavati dai dati ottenuti tramite l'app installata sullo smartphone e dagli indirizzi IP dei Computer usati per connettersi.

La lista - chiamata BOLO (Be On LookOut) - viene aggiornata settimanalmente e comprende diversi dettagli sulle persone che vi vengono iscritte: nomi, fotografie, posizione e una breve descrizione sul motivo che le ha portate a essere parte dell'elenco.

Sono varie le cause che possono portare a venir contrassegnati: si va dalle vere e proprie minacce inviate ai dipendenti di Facebook ai banali, per quanto offensivi e insultanti, commenti scritti di getto e indirizzati a personalità del social network, come per esempio il suo fondatore.

Alcuni degli ex dipendenti hanno criticato questo modo di fare, definendolo «adatto al Grande Fratello». Per altri, invece, tutto sommato si tratta di un comportamento giustificato in quanto Facebook raggiunge 2,7 miliardi di persone ed è in grado di evocare in loro emozioni anche molto intense, che non tutti sono capaci di gestire.

Facebook stessa, per bocca di un portavoce, ha ammesso che esiste un gruppo - chiamato physical security team - che si occupa di classificare e gestire le eventuali minacce concrete, separato da quelle che invece gestisce le minacce virtuali (attacchi informatici e simili).

Sono coloro che sorvegliano le varie sedi di Facebook nel mondo e si occupano di evitare che una minaccia potenziale - per esempio, la presenza di una delle persone scritte nella lista in uno degli edifici della società - diventi attuale, per esempio scortando fuori la persona in questione o facendo intervenire la polizia.

Tale gruppo «adopera gli strumenti più aggiornati e si occupa delle minacce violente e credibili rivolte ai nostri dipendenti e alla nostra azienda, e ne informa, se necessario, alle forze dell'ordine». I dati degli utenti ritenuti pericolosi - assicura Facebook - vengono trattati «nel rispetto della privacy, in conformità alle norme sulla privacy e ai termini di servizio di Facebook».

Pertanto, «ogni ipotesi circa la possibilità che il gruppo di sicurezza fisica abbia oltrepassato i suoi limiti è assolutamente falsa».

Sondaggio
Quali tra questi tuoi dati personali sono pubblici sui social network (chiunque pu vederli e non solo i tuoi amici)?
Solo il mio nome per intero e la foto del profilo
In teoria tutto, non mi preoccupo delle impostazioni per la privacy
Nome completo, foto e post
Nome completo, foto, status, geolocalizzazioni e check-in
Non ci ho mai pensato

Mostra i risultati (855 voti)
Leggi i commenti (12)

L'esistenza della lista, ad ogni modo, non è in discussione, come dimostra anche quanto accaduto diversi anni fa e un utente di Facebook che si presentò a Menlo Park (sede del social network) per pranzare con un amico, dipendente dell'azienda.

Non appena fece il proprio nome per i controlli di routine vennero allertate ulteriori guardie di sicurezza che gli stettero accanto tutto il tempo e si posizionarono ai lati di ogni porta, sorvegliando gli spostamenti.

Egli scoprì così di essere finito sulla lista BOLO a causa di un messaggio che, tempo prima, aveva inviato a Mark Zuckerberg. L'amico cercò di farlo togliere dalla lista e, dopo alcuni colloqui con i responsabili della sicurezza, ci riuscì.

Tuttavia, il portavoce di Facebook chiamato a commentare la vicenda precisò che «Nessuno finisce sulla Bolo senza un buon motivo»; e non c'è nemmeno modo di saperlo fino a che ciò non comporta qualche conseguenza nel mondo reale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Bravo! :clap: :clap: :clap:
2-3-2019 14:47

io mi sono felicemente cancellato un mese fa =) (meglio tardi che mai)
26-2-2019 08:58

Per citare qualcosa di reale e recente direi molto simile al KGB o alla Stasi... Continuate ad iscriversi e ad usare Fakebook, continuate pure... :umpf: Leggi tutto
23-2-2019 14:36

{utente anonimo}
«ogni ipotesi circa la possibilità che il gruppo di sicurezza fisica abbia oltrepassato i suoi limiti è assolutamente falsa» Per ora.
20-2-2019 17:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Wikileaks (con il suo fondatore Julian Assange)...
un sito pirata, pericolo per l'occidente.
un paladino della libera informazione e della trasparenza.

Mostra i risultati (3148 voti)
Giugno 2019
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Google Maps, arriva il tachimetro in tempo reale
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
Il malware che sfugge a ogni individuazione
Maggio 2019
Windows 10, l'aggiornamento di maggio fa cadere la connessione Wi-Fi
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Windows 10, ecco l'aggiornamento di maggio
Tutti gli Arretrati


web metrics