Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows

Microsoft avvisa: ne risentiranno un po' le prestazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2019]

windows 10 rimozione sicura usb

Al mondo esistono due tipi di persone: ci sono quelli che fanno la rimozione sicura delle chiavette USB e quelli che si limitano a estrarle dal computer.

Molto probabilmente, i primi sono una minoranza, anche se da tempo immemorabile la raccomandazione è sempre stata la medesima: se non si procede alla rimozione sicura è possibile che i dati che si pensava di aver scritto sulla chiavetta vadano persi.

Il rischio è effettivamente concreto perché Windows ha a disposizione due diversi sistemi per trattare le memorie esterne USB.

Il primo, denominato Rimozione rapida, gestisce le operazioni di scrittura in maniera tale da permettere all'utente di estrarre il drive in qualsiasi momento. Ciò significa che Windows non tiene in cache alcun dato, e pertanto le prestazioni possono risentirne.

Il secondo, chiamato invece Prestazioni migliori, come il nome lascia intendere punta a offrire le massime prestazioni possibili. Per fare ciò le operazioni di scrittura vengono gestite tramite una cache, rimandando la scrittura effettiva al primo momento utile.

Fino a prima di Windows 10 versione 1809, il famigerato October 2018 Update, l'impostazione predefinita era Prestazioni miglior: ecco perché era sempre consigliabile fare la rimozione sicura.

Ora però Microsoft ha svelato che a partire dalla più recente versione di Windows 10 invece l'impostazione predefinita è Rimozione rapida.

Sondaggio
Sul tuo Pc (o notebook) c'è installato un hard disk oppure un disco a stato solido?
Entrambi
SSD: è più veloce di un hard disk, si guasta meno, consuma poco.
Disco fisso: è più affidabile, più economico e più capiente di una memoria flash.
Disco fisso sul Pc, SSD sul notebook.
Non so cosa ci sia installato: sono un utente, non un meccanico.

Mostra i risultati (2265 voti)
Leggi i commenti (6)

Questa scelta si deve forse al fatto che, come dicevamo all'inizio, la maggior parte delle persone in generale si limita a estrarre le chiavette senza rimuoverle dal sistema, confidando che non accada nulla. Così facendo, Microsoft si assicura che gli utenti non rischino di perdere i loro dati.

Il rovescio della medaglia, naturalmente è il possibile calo delle prestazioni.

prestazioni migliori 01

Chi volesse evitarlo e desiderasse tornare al comportamento precedente può agire aprendo l'utilità Gestione disco (basta cercarla nel menu Start perché Windows la proponga) dopo aver inserito una chiavetta USB nel PC.

A quel punto sarà necessario fare clic con il tasto destro del mouse in corrispondenza della voce relativa alla chiavetta, identificabile dal fatto che indica il disco come Rimovibile. Attenzione, però: bisogna fare clic nella parte sinistra del grafico, quella che riporta la dicitura Disco X, dove X è un numero.

Il passo successivo consiste nello scegliere la voce Proprietà e quindi, dalla finestra che appare, la scheda Criteri.

prestazioni migliori 02

Lì si vedranno elencati entrambi i criteri - Rimozione rapida e Prestazioni migliori - e sarà possibile scegliere quello preferito, per poi confermare con OK.

Le prestazioni, infine, migliorano ulteriormente se si attiva anche la Cache di scrittura sul dispositivo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

{franco}
In effetti è molto più diffusa la rimozione rapida, perché spesso non riesco a capire quale sia il programma che inibisce la rimozione, anche con nessun programma visibile aperto.
15-4-2019 12:38

A mio avviso potrebbero semplicemente avvisare l'utonto con il buzzer del PC e mostrare un messaggio "Dispositivo rimosso in anticipo. Alcuni dati sono stati persi. Ripetere l'operazione" Quando l'utonto reinserisce la chiavetta e ripete l'operazione quelle 3 o 4 volte, poi magicamente impara come si fa. Leggi tutto
11-4-2019 19:31

E poi cambiano pc ogni 2 anni perché si rompe qualcosa! Leggi tutto
11-4-2019 08:42

Tanto ci sarà sempre chi toglie la chiavetta durante la copia... Per me, invece, con w10 hanno fatto una ca...ta a togliere il pop-up che da l'ok alla rimozione fisica del drive dopo aver richiesto la rimozione sicura; non riesco a capire quando il sistema ha finito le procedure necessarie... Ho anche cercato nelle opzioni se fosse... Leggi tutto
10-4-2019 13:48

una volta tanto microsoft si mette dalla parte dell'utente... pensate che c'è persino chi per spegnere il PC semplicemnte stacca la corrente... ps: io - anche se non uso windows - ho sempre rimosso le periferiche in modo corretto
9-4-2019 21:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (384 voti)
Aprile 2019
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Facebook, le password di centinaia di milioni di utenti salvate in chiaro: cambiatele
Tutti gli Arretrati


web metrics