Facebook: nessuna privacy per gli utenti

''Non c'è nessuna violazione della privacy perché non c'è alcuna privacy'' sostiene l'avvocato del social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-06-2019]

facebook privacy avvocato

La maggior parte degli utenti si sarà ormai dimenticata dello scandalo legato a Cambridge Analytica, quando Facebook si ritrovò nei guai per la supposta compravendita dei dati degli iscritti.

Il caso, oltre a una pessima pubblicità per il social network, diede vita a una class action che è tuttora in corso e nella quale Facebook sta cercando di difendersi.

L'ultima mossa in questo senso operata dall'avvocato del social network in blu, Orin Snyder, potrà anche essere di qualche giovamento in un'aula di tribunale ma pare un vero autogol dal punto di vista delle pubbliche relazioni.

Secondo quanto riporta Law360, Snyder ha infatti affermato durante un'udienza che gli utenti di Facebook «non si attendono alcun rispetto della privacy».

Facebook - ha spiegato l'avvocato - è in sostanza «una piazza cittadina digitale», e nessuno può seriamente aspettarsi della privacy se volontariamente mette pubblicamente in piazza i fatti propri.

E se i dati sono quindi sostanzialmente pubblici, allo stesso modo qualunque cosa faccia Facebook dei dati degli utenti è legittima: «Non si configura alcuna violazione della privacy, dato che non c'è alcuna privacy» ha dichiarato Snyder.

Di contro, «per potersi ragionevolmente aspettare della privacy riguardo a qualcosa bisogna proteggere con attenzione quel qualcosa» ha commentato ancora Snyder, sottintendendo che, siccome gli utenti non proteggono in prima persona i propri dati, allora non si possono nemmeno aspettare che altri lo facciano al posto loro.

Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (2077 voti)
Leggi i commenti (12)

Insomma: per Snyder la responsabilità è soltanto degli utenti, che condividono di propria iniziativa le proprie informazioni con Facebook, che è una sorta di "luogo pubblico"; non possono poi lamentarsi se quelle informazioni finiscono in mano ad altri soggetti. Sarebbe come gridare il proprio numero di carta di credito in un bar affollato e poi protestare perché qualcuno ne ha approfittato.

Come dicevamo, forse il giudice darà anche credito alla teoria espressa dall'avvocato, ma anche qualora ciò servisse a scagionare Facebook dalla causa in corso certamente l'opinione che gli utenti hanno di esso non ne guadagnerà.

È comunque interessante notare la schizofrenia (che poi è semplicemente un continuo adattarsi alla situazione contingente nella speranza di uscirne senza danni) con cui si muove Facebook che, proprio mentre l'avvocato sosteneva l'inesistenza della privacy sul social network, per bocca di Mark Zuckerberg affermava di voler diventare «una piattaforma sociale centrata sulla privacy» durante l'ultimo incontro con gli azionisti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, le regole non si applicano ai VIP
Visa, Mastercard e PayPal partecipano alla criptovaluta di Facebook
Facebook, dipendenti pagati per analizzare i post degli utenti, anche quelli privati
Mark Zuckerberg: entro cinque anni avremo due Facebook
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Mark Zuckerberg: servono nuove leggi per regolamentare Internet
Facebook, le password di centinaia di milioni di utenti salvate in chiaro: cambiatele
Hai criticato Mark Zuckerberg? Allora forse Facebook ti sta già tracciando
La lista dei disastri di privacy di Facebook
Dopo lo scandalo tutti vogliono cancellarsi da Facebook. Vi spieghiamo come si fa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Francamente credo che cambierà ben poco, coloro ai quali della privacy frega qualcosa continueranno a starne alla larga, quelli che invece non hanno ancora capito cosa sia fessbuk continueranno a non capire o a fregarsene del fatto cha a fessbuk con la loro privacy ci si pulisca il :butthead: Leggi tutto
7-6-2019 18:58

Concordo. Ho sempre usato Facebook unicamente per pubblicare, mai per condivisione tra privati.
5-6-2019 23:46

{Ictuscano}
Beh, quando si dice parlare chiaro... :-) D'altra parte l'avvocato ha perfettamente capito chi si trova di fronte: non mi dite che le questioni della privacy di FB hanno scosso gli iscritti comuni. I commenti all'epoca erano pochissimi, le questioni sono state dibattuto per lo più da addetti ai lavori e altri... Leggi tutto
4-6-2019 22:31

Hai dimenticato la parte più importante: "I proprietari delle aziende avranno il dilemma di come pagarci i tuoi dati e di come pagare la pubblicità che ti ficchiamo davanti agli occhi. Chissà cosa si inventeranno o meglio chi si troverà a pagare più cari i prodotti" Leggi tutto
4-6-2019 18:38

All'improvviso la ragionevolezza! Anche se viene sottostimato (non solo dagli utenti "bonaccioni") il fatto che dati aggregati vengano venduti. Diciamo che, per ragionevolezza e trasparenza, il disclaimer e le condizioni d'uso di facciabucco dovrebbero constare di una sola frase: Leggi tutto
4-6-2019 09:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2325 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 settembre


web metrics