Mozilla pensa a un Firefox Premium a pagamento

Con servizi riservati agli abbonati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2019]

firefox premium pagamento

Un tempo la posizione di Mozilla era chiara: come creatrice di Firefox, discendente diretto di Netscape Navigator, era colei che si opponeva al monopolio di Microsoft e Internet Explorer con un browser libero e gratuito.

Poi Chrome - anch'esso gratuito e basato sul progetto open source Chromium - è apparso sulla scena, Internet Explorer è praticamente sparito ed Edge non è riuscito a raccoglierne davvero l'eredità in termini di numero di utenti.

Chrome intanto è diventato il browser più usato, e Firefox ha perso diverse posizioni nonostante la reinvenzione del 2017 con Firefox Quantum.

Allo stato attuale, Mozilla ricava circa il 90% delle proprie entrate dalle ricerche effettuate dagli utenti tramite la barra integrata in Firefox, venendo compensata grazie a un accordo con Google. Vorrebbe però trovare altre strade.

È nata così l'idea di Firefox Premium, una versione a pagamento di Firefox (o forse soltanto un add-on a pagamento: ancora non è chiarissimo) che offra funzioni avanzate a fronte di un canone mensile.

Sondaggio
Fai uso del pagamento contactless?
Sì, lo trovo molto comodo.
Lascio scegliere all'esercente.
Non so cosa sia.
No, le mie carte non sono abilitate.
No, non mi fido

Mostra i risultati (2377 voti)
Leggi i commenti (21)

I servizi aggiuntivi dovrebbero comprendere per esempio una VPN e una forma di cloud storage «sicuro», ma nulla di preciso è stato ancora annunciato. Si vocifera però che la VPN possa essere resa disponibile anche ai clienti del Firefox classico, ma con un limite di dati; chi volesse oltrepassarlo dovrà passare alla versione Premium.

Per capire quale modello funzioni meglio - un browser separato oppure un'estensione - Mozilla ha intenzione di lanciare i servizi singolarmente e decidere in seguito: in ogni caso un portavoce ha confermato che ciò che attualmente è gratuito lo resterà anche dopo il lancio di Firefox Premium, che è previsto entro la fine dell'anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Certo che la scelta c'è e sta ad ognuno di noi, in base alle nostre esigenze, esercitare e promuovere il nostro diritto di scegliere in barba alle imposizioni di M$ e compagnia. Leggi tutto
15-6-2019 15:34

:ola: :ola: :ola: Anche se al momento siamo ancora troppo pochi così. La maggior parte addirittura butta hardware ancora perfettamente funzionante creando ewaste che ewaste non sono e aggravando la già precaria situazione ambientale perché... "ce lo chiede Microsoft" :cry: Leggi tutto
14-6-2019 23:20

E io continuero' a vivere sereno nelle nicchie create da quegli opensourcer idealisti, di cui nel mio piccolo faccio parte. La scelta c'e' eccome oggi, e ci sara' anche in futuro. Fino a prova contraria. Leggi tutto
13-6-2019 04:18

Amen.
12-6-2019 12:20

{utente anonimo}
I tempi diventano sempre più duri per i piccoli e medi produttori di software. I "big" stanno creando un ecosistema nel quale intrappolano i loro utenti prendendoli inizialmente per la gola e poi per i fondelli, e ne fanno ciò che vogliono guadagnando cifre spropositate. Cifre che come si è visto da... Leggi tutto
10-6-2019 22:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2299 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 giugno


web metrics