Facebook, online database con i dati di 200 milioni di utenti



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2019]

facebook database online

Pare che stia diventando un'abitudine - una pessima abitudine - la pratica di lasciare server contenenti dati privati e personali di milioni di utenti alla mercé di chiunque possieda una connessione a Internet.

Capita ai privati - come successo a un'azienda italiana alla fine dello scorso febbraio - e capita ancora più sovente alle aziende che lavorano per Facebook.

Proprio quest'ultimo è il caso che s'è verificato ancora di recente: l'esperto di sicurezza Sanyam Jain ha scovato un server accessibile dal web in cui erano in bella mostra i dati di oltre quasi 200 milioni di utenti: 133 milioni di americani, 18 milioni di britannici e 50 milioni di vietnamiti.

Ospitati in un database non protetto da password, i dati comprendevano data di nascita, sesso, Paese di residenza, indirizzo e numero di telefono di ciascun utente, tra cui anche alcuni personaggi famosi.

Il database ora non è più accessibile: Jain non è riuscito a capire chi ne fosse il proprietario ma, quando ha contattato l'hosting per segnalarne la presenza, subito è stato messo offline.

Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (1841 voti)
Leggi i commenti (12)

Facebook, per bocca del portavoce Jay Nancarrow, ha fatto sapere che «I dati sono vecchi e sembra che quelle informazioni siano state ottenute prima dei cambiamenti che abbiamo apportato lo scorso anno, togliendo la possibilità di trovare gli utenti usando il loro numero di telefono. I dati ora sono stati messi offline e non ci sono prove che degli account Facebook siano stati compromessi».

Anche se i dati sono vecchi, però, ciò non significa che la loro incauta accessibilità da remoto e la loro diffusione non portino conseguenze per la privacy degli utenti coinvolti: banalmente, il numero di telefono di molti potrebbe non essere cambiato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Azienda italiana lascia esposto online l'intero archivio clienti

Commenti all'articolo (5)

@Undertaker No, se non hai chiesto esplicitamente di essere rimosso e tale richiesta non stata esaudita, io ha chiesto di essere rimosso dall'elenco ed il mio nome, cognome, indirizzo e numero di telefono non compaiono.
9-9-2019 19:01

nome. cognome, indirizzo, numero di telefono... quindi gli elenchi telefonici sono una mega violazione della privacy?
8-9-2019 19:35

Per alcune aziende la punizione ci sarebbe a prescindere da leggi e tribunali. Almeno in quei casi in cui iscriversi non indispensabile - il primo esempio che mii vene in mente sono proprio i SN - non ci si iscrive (come me) e chi iscritto cancella la propria iscrizione. Quando gli iscritti cominciano a calare drasticamente forse si... Leggi tutto
7-9-2019 13:56

{solitasolfa}
I dati sono vecchi? Data di nascita, nome, sesso, nazione, indirizzo e telefono (non si cambia casa ogni giorno)... questi sono dati vecchi? Purtroppo non esistono punizioni efficaci per le aziende che lasciano i dati senza protezione, o se li fanno hackerare, e se non esistono è perché ci sono evidenti connivenze.
6-9-2019 12:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi citt: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai n a Milano n in altre grandi citt.

Mostra i risultati (2248 voti)
Settembre 2019
Gli utenti hanno il diritto di rivendere i giochi comprati su Steam?
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics