Facebook, online database con i dati di 200 milioni di utenti



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2019]

facebook database online

Pare che stia diventando un'abitudine - una pessima abitudine - la pratica di lasciare server contenenti dati privati e personali di milioni di utenti alla mercé di chiunque possieda una connessione a Internet.

Capita ai privati - come successo a un'azienda italiana alla fine dello scorso febbraio - e capita ancora più sovente alle aziende che lavorano per Facebook.

Proprio quest'ultimo è il caso che s'è verificato ancora di recente: l'esperto di sicurezza Sanyam Jain ha scovato un server accessibile dal web in cui erano in bella mostra i dati di oltre quasi 200 milioni di utenti: 133 milioni di americani, 18 milioni di britannici e 50 milioni di vietnamiti.

Ospitati in un database non protetto da password, i dati comprendevano data di nascita, sesso, Paese di residenza, indirizzo e numero di telefono di ciascun utente, tra cui anche alcuni personaggi famosi.

Il database ora non è più accessibile: Jain non è riuscito a capire chi ne fosse il proprietario ma, quando ha contattato l'hosting per segnalarne la presenza, subito è stato messo offline.

Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (2157 voti)
Leggi i commenti (12)

Facebook, per bocca del portavoce Jay Nancarrow, ha fatto sapere che «I dati sono vecchi e sembra che quelle informazioni siano state ottenute prima dei cambiamenti che abbiamo apportato lo scorso anno, togliendo la possibilità di trovare gli utenti usando il loro numero di telefono. I dati ora sono stati messi offline e non ci sono prove che degli account Facebook siano stati compromessi».

Anche se i dati sono vecchi, però, ciò non significa che la loro incauta accessibilità da remoto e la loro diffusione non portino conseguenze per la privacy degli utenti coinvolti: banalmente, il numero di telefono di molti potrebbe non essere cambiato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

@Undertaker No, se non hai chiesto esplicitamente di essere rimosso e tale richiesta non stata esaudita, io ha chiesto di essere rimosso dall'elenco ed il mio nome, cognome, indirizzo e numero di telefono non compaiono.
9-9-2019 19:01

nome. cognome, indirizzo, numero di telefono... quindi gli elenchi telefonici sono una mega violazione della privacy?
8-9-2019 19:35

Per alcune aziende la punizione ci sarebbe a prescindere da leggi e tribunali. Almeno in quei casi in cui iscriversi non indispensabile - il primo esempio che mii vene in mente sono proprio i SN - non ci si iscrive (come me) e chi iscritto cancella la propria iscrizione. Quando gli iscritti cominciano a calare drasticamente forse si... Leggi tutto
7-9-2019 13:56

{solitasolfa}
I dati sono vecchi? Data di nascita, nome, sesso, nazione, indirizzo e telefono (non si cambia casa ogni giorno)... questi sono dati vecchi? Purtroppo non esistono punizioni efficaci per le aziende che lasciano i dati senza protezione, o se li fanno hackerare, e se non esistono è perché ci sono evidenti connivenze.
6-9-2019 12:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi fa la coda fuori dal negozio per acquistare il nuovo iPhone / iPad / iPod il primo giorno ...
Un vero appassionato
Un fanatico
Un iDiota

Mostra i risultati (12306 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 dicembre


web metrics