Ignazio La Russa potrebbe diventare Garante della Privacy

Preoccupazione online e offline per la sua possibile ascesa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-12-2019]

Il primo Garante della Privacy fu il professor Stefano Rodotà: era un politico, deputato eletto come indipendente nelle liste del PCI e poi del PDS, sempre per i DS Vicepresidente della Camera e fra i fondatori del PD.

Rodotà però è stato soprattutto un grande giurista, esperto di diritto pubblico, autore di centinaia di pubblicazioni, docente universitario e il padre dell'attuale legge istitutiva del Garante della Privacy. È stato esponente di una cultura liberalsocialista e radicale minoritaria nel nostro Paese.

Dopo Rodotà arrivò Franco Pizzetti, pure lui politico: era stato vicesindaco di Torino per la DC ed esponente del Partito Popolare di Martinazzoli, ma soprattutto era docente universitario di diritto costituzionale e avvocato di fama.

L'inizio dell'involuzione dell'organismo di garanzia fu la nomina dell' attuale garante Antonello Soro, che di professione è medico dermatologo: non si era mai occupato di privacy prima. Fu scelto perché era il capogruppo dei deputati PD che voleva uscire dalla politica. Così da autorità tecnico politica il Garante diventa tutto politico.

Bisogna però dare atto a Soro che in questi anni ha saputo dimostrare effettiva indipendenza da tutti gli schieramenti politici. Nei confronti del centrosinistra ha criticato tutti gli eccessi e i pericoli per la lotta all'evasione fiscale che giustifichi eccessive intromissioni nella vita privata dei cittadini con l'accesso indiscriminato a tutte le banche dati. Ha criticato e sanzionato il movimento 5 Stelle per la piattaforma Rosseau, non sempre gestita nel massimo rispetto della riservatezza dei dati e delle scelte dei suoi elettori, tanto che una parte di queste critiche sono state recepite.

Ora si parla molto in Rete e fuori della possibile nomina a Garante della Privacy di Ignazio La Russa, esponente di Fratelli d'Italia e prima ancora del PDL, di AN e del MSI-DN. La Russa, che di professione è avvocato, è stato anche Ministro della Difesa nell'ultimo governo Berlusconi.

La Russa, come è noto non ha mai negato di essere stato neofascista e missino, anzi ne è orgoglioso; ma soprattutto ha sempre difeso a prescindere le Forze Armate, la Polizia e i servizi segreti, anche nelle circostanze in cui questi organismi statali siano andati al di là delle leggi, invadendo e violando la privacy dei cittadini italiani e, perfino, quando lo hanno fatto servizi segreti stranieri in Italia.

Questo suo atteggiamento ideologico antiprivacy preoccupa non poco, nel momento in cui dovesse essere davvero nominato Garante della Privacy.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Io sono abituato a valutare le competenze e non la fazione politica come si fa gi dall'articolo e nel seguito nei commenti posto che non ce n' uno che si salva attualmente, da nessuna parte, come ha addirittura documentato qualcuno. Non sono uso abboccare al divide et impera. Leggi tutto
6-12-2019 16:32

Quindi se hai bisogno di un medico prendi il primo che passa, e poi se ti cura male gli fai causa? O magari in questo caso cerchi di fare una selezione a priori? Leggi tutto
5-12-2019 17:13

{inqbo}
bene! Così avremo un La Russa all'ACI (Geronimo, il figlio) e uno alla priv-ACY (Ignazio, il padre...) :D :D :D A parte la facilissima ironia, bisognerebbe abbandonare l'immagine del boiardo che tutto da solo fa le cose. A parte forse Rodotà, gli altri contano su tecnici che sono sempre gli stessi, ed è... Leggi tutto
3-12-2019 16:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (2064 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics