Microsoft, una IA per scovare i pedofili in Rete

Tiene d'occhio le chat e identifica i potenziali molestatori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-01-2020]

microsoft ia pedofili artemis

Che il web non sia un giardino dell'Eden, del tutto privo di pericoli, è una triste ma dure realtà che tutti dovrebbero ormai avere chiaro.

Tali pericoli sono ancora maggiori per i soggetti più vulnerabili, come i bambini, che, non riconoscendo i segnali d'allarme, possono finire preda con relativa facilità di chi si aggira per la Rete cercando vittime per la propria brama, spesso sessuale.

La cronaca, in questi anni, ha fornito diversi esempi di questo comportamento, ma ora la tecnologia può venire in aiuto di quanti lavorano per far scomparire il fenomeno dell'adescamento pedofilo in Internet.

La tecnologia in questione si chiama Project Artemis ed è uscita dai laboratori di Microsoft, che ha iniziato a testarla su Xbox Live e nelle chat di Skype.

Artemis è un sistema automatico che analizza le espressioni usate per comunicare dai vari partecipanti alle chat. Se individua modi di esprimersi che rimandano a quelli tipicamente usati dai potenziali molestatori, che proprio nelle conversazioni online vanno a caccia di vittime, assegna un «punteggio di rischio» all'autore delle frasi.

Tale punteggio serve per distinguere e organizzare in una sorta di graduatoria i contenuti che hanno bisogno di essere verificati da un addetto umano, ed eventualmente segnalati alle forze dell'ordine.

A partire dal 10 gennaio, Project Artemis, per ora attivo solo per le conversazioni che avvengono in inglese via Skype o Xbox Live, è disponibile su licenza gratuita per l'uso da parte di altre aziende attraverso l'organizzazione no profit Thorn, il cui scopo è affrontare lo sfruttamento sessuale dei bambini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
FBI, meglio un pedofilo in libertà che rivelare l'hack di TOR
Quei siti pedopornografici gestiti dall'FBI
Ragazza austriaca fa causa ai genitori: postano sue foto imbarazzanti su Facebook
L'Italia finanzia i pedofili

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Alla fine funzionerà come il DRM segnalando, nella maggior parte dei casi, falsi positivi e rovinando l'esistenza alle persone, e non individuando i veri pedofili che sanno certamente come aggirare le deficienze artificiali. Leggi tutto
7-3-2020 15:52

{mavala}
Geniali psicopatici, quelli della M$. Per poter profilare e testare le IA legalmente, ecco che si inventano questa genialata. Si sa, la M$ è profondamente interessata agli esseri umani. Quando rendono soldi.
11-1-2020 11:34

{utente anonimo}
@jack.mauro Appunto, quindi tanto vale avere la sicurezza in più visto che, per quel che riguarda il fronte privacy, l'unica cosa che potrebbe invertire il trend sarebbe un cataclisma che risulti nella completa distruzione dei sistemi informatici hardware e software correnti e morte di chiunque ne abbia conoscenza così... Leggi tutto
11-1-2020 10:57

Credi davvero che già oggi nessuno possa accedere alle chat private degli utenti? Con la scusa di proteggere il mondo da pedoterrosatanisti, tutti siamo già spiati, e la cosa peggiore è che i veri pedoterrosatanisti continuano a proliferare, mentre gli utenti comuni hanno perso la loro privacy... Leggi tutto
11-1-2020 09:46

Poi, come succede spesso, genitori accusati di maltrattamenti con rapimento dei figli ed affido ad altri, si scopre con sentenza di un processo che erano innocenti. mah.
10-1-2020 23:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2143 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics