Il primo smartphone con Windows 10

Vi girano nativamente anche le app per Android.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-02-2020]

emperion nebulus 4

Sappiamo tutti quale è stato il destino dei Windows Phone, gli smartphone con cui Microsoft ha tentato invano di spezzare il duopolio Apple-Android: pur avendo ricevuto un certo apprezzamento, sono stati completamente spazzati via dalla concorrenza.

La britannica Emperion è un'azienda attiva dal 2017 che da allora nutre un sogno: realizzare uno smartphone con sistema operativo Windows 10. Non Windows 10 Mobile, ossia la versione sviluppata per i Windows Phone, ma proprio Windows 10.

A quanto pare, dopo tre anni quel sogno s'è concretizzato in Emperion Nebulus, un dispositivo in grado di far girare sia Android, sia Windows 10 (in versione per processori Arm, ovviamente).

Tutti i dettagli al momento noti provengono dall'account Twitter di Emperion e, anche a causa di questo mezzo, sono un po' frammentari.

Il Nebulus è basato su un SoC Snapdragon 845 al quale è stato applicato l'overclock; offre poi uno schermo da 6,19 pollici battezzato Cosmos Display, doppia fotocamera posteriore Emperion OptiX da 13 megapixel, un singolo slot per la Sim, supporto per schede micro Sd fino a 2 Tbyte, jack per le cuffie e batteria da 6.000 mAh.

Tramite Twitter Emperion, che non dispone di un proprio sito web, afferma di aver lavorato a stretto contatto con Microsoft per lo sviluppo del prodotto, sul quale non è possibile installare Windows 10X (la versione di Windows che equipaggerà il portatile con doppio schermo Surface Neo) in quanto è stato sviluppato per i processori Intel.

Grazie al supporto a Windows 10, Nebulus può far funzionare le normali app desktop e supporta anche il collegamento con mouse e tastiera in modalità wireless oppure tramite una connessione Usb Tipo-C.

Inoltre, Emperion sottolinea che lo smartphone è in grado di far funzionare nativamente le app per Android, senza bisogno di un emulatore o di cambiare il sistema operativo in esecuzione.

Emperion intende lanciare un solo modello di Nebulus iniziando dal natio Regno Unito, dove sta attualmente cercando un operatore telefonico disposto a distribuirlo.

Resta da capire come sarà gestita la parte prettamente telefonica, dato che Windows 10 non supporta direttamente la telefonia; forse ci sarà del software dedicato, o forse le telefonate viaggeranno attraverso la connessione a Internet Lte.

Dato che l'azienda produttrice considera Nebulus uno smartphone di punta, il prezzo previsto non è certo contenuto: 549 sterline, pari a circa 660 euro.

emperion nebulus 1
emperion nebulus phone

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Al 21 del mese i giga erano gią finiti... e anche prima! :malol: :malol: :malol:
4-4-2020 10:57

Ma ve li immaginate i giga che si mangerebbe il telefono per gli aggiornamenti automatici? :malol: :malol: :malol:
4-4-2020 08:06

Gią non lo sopporto su un PC perché dovrei fari del male comprando uno smartphone che lo utilizza per funzionare??? :shock: p.s. spero sia anche l'ultimo... Leggi tutto
3-4-2020 17:33

Ecco appunto io mi tengo il telefono Android. Telefona bene. Consente anche di postare qui. Leggi tutto
24-2-2020 21:08

Ma le app su Win10 per ARM devono essere sviluppate appositamente o tramite un qualche emulatore possono funzionare tutti i normali programmi sviluppati per X86 o X86_64? Leggi tutto
24-2-2020 09:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione pił aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi pił facilmente sulle attivitą di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe pił ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualitą dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe pił peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni pił appropriate.

Mostra i risultati (910 voti)
Marzo 2023
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 marzo


web metrics