Quattro buone ragioni per non comprare un Motorola E365

La casa produttrice frettolosa fece i telefonini ciechi, muti e sordi: ecco uno di quei casi che sconsiglia di fare gli early-adopters con i cellulari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-01-2004]

Difficile epoca di transizione questa, per i telefonini, sospesi tra GSM e GPRS, con il miraggio dell'UMTS: confusi dalle chimere della fotocamera digitale, dei giochi Java, alcuni cellulari, come il Motorola E365 uscito a fine novembre 2003 che ho tra le mani, finiscono per non garantire nemmeno le prestazioni di un ETACS, ed ecco perché.

1) IMPOSSIBILE COLLEGARLO A UN PC

Il telefonino è stato lanciato sul mercato a novembre 2003, ma il cavo per collegarlo al Pc non è ancora disponibile. Telefonando (a proprie spese a 0,11879 euro/min., unico modo di contattare Motorola per un cliente) al call center ti dicono che non sanno quando sarà disponibile.

2) IMPOSSIBILE SAPERE COME INVIARE MMS

2a) Sebbene il telefonino sia stato lanciato sul mercato a fine novembre 2003, al 21 dicembre 2003 Wind non aveva ancora ricevuto la procedura necessaria per inviare MMS.

2b) Telefonando all'assistenza clienti di Motorola, la ragazza dice di consultare la procedura sul sito Motorola.

Se uno non può accedere a Internet, l'assistenza clienti non è disposta a spiegarti la procedura "perché le chiamate (che comunque sta pagando il cliente, n.d.r.) devono essere terminate entro un certo periodo, e spiegarle la procedura sarebbe troppo lunga".

E comunque avere Internet serve solo ad arrabbiarsi: le domande fatte agli operatori via mail non ottengono risposta, la knowledge base è inconsultabile, l'unica cosa di cui si può essere certi è che, ogni volta che farete una domanda via mail, il giorno dopo riceverete non la risposta, ma un questionario Motorola da compilare sull'efficienza del customer care.

2c) La procedura sul sito è errata, chi l'ha scritta non si è preoccupato di verificarne l'esattezza. Seguendola si arriva a un vicolo cieco (il percorso spiegato non porta dove dovrebbe portare), da cui si può uscire solo dopo tre telefonate all'assistenza (che paga sempre il cliente, n.d.r.), sperando di incocciare nell'operatrice più sveglia.

3) IMPOSSIBILE INVIARE MMS

I MMS comunque non si possono né scaricare né inviare, né si può navigare via WAP. Al centro di assistenza Motorola mi hanno detto che forse era un problema di antenna, visto che prende poco e raramente il GPRS. Comunque anche quando appare l'agognato simbolino del GPRS, non funziona.

4) QUANDO PENSI DI AVERE TOCCATO IL FONDO... A un certo punto mi ero rassegnato a non inviare MMS, a non navigare su Internet, a non collegarlo al Pc. In fondo telefonare telefonava. Ma ora non è nemmeno più possibile accedere alla rubrica telefonica, né inviare/ricevere SMS.

Telefono al call center (quello che costa 0,11879 euro/min., e che ovviamente in 5 minuti mi è costato 1,5 euro), mi dicono di resettare il telefonino, perdendo tutti i numeri che avevo sul telefonino. Resetto, continua a non funzionare. "Lo porti al Centro Assistenza", mi dice l'operatrice. Intanto io sto reimparando tutti i numeri dei cellulari che devo chiamare a memoria. I vecchi metodi sono sempre i migliori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Marcello
lo dico da tempo... Leggi tutto
8-3-2004 20:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4887 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics