Lo sbarco sulla Luna è visibile al telescopio?

Una delle domande più frequenti di questi indecisi è se non si possa semplicemente puntare un telescopio sui punti di allunaggio e vedere le tracce lasciate dagli astronauti. Ci sono novità importanti: forse ora si può.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-01-2004]

Come probabilmente già sapete, ci sono molte persone che credono che lo sbarco sulla Luna del 1969 non sia realmente accaduto e sia stata invece una messinscena cinematografica a scopo propagandistico.

Fra loro c'è molta gente che non ci crederebbe neppure se la si portasse sulla Luna a vedere coi propri occhi; evidentemente hanno qualche tara psicologica che li induce a voler sminuire il duro lavoro dei tanti scienziati, ricercatori e ingegneri che hanno lavorato e lavorano nel settore aerospaziale. Chissà se credono che anche le missioni del nostro Umberto Guidoni sullo Shuttle sono false, magari girate negli studi Mediaset a scopo propagandistico dal Presidente del Consiglio?

Uno degli astronauti della storica missione Apollo 11, Buzz Aldrin, ha un approccio perlomeno originale al problema. Ormai ultrasettantenne, è tuttora perseguitato da complottisti di ogni sorta che non credono che lui sia andato sulla Luna insieme a Neil Armstrong (Michael Collins, il terzo astronauta della missione, rimase in orbita lunare).

Uno di questi pestiferi individui è Bart Sibrel. A settembre 2002, Sibrel (37 anni) ha affrontato Aldrin brandendo una Bibbia e chiedendogli di giurare su di essa che era davvero andato sulla Luna. Dato che Aldrin, come tutti gli astronauti, ha deciso di non dare corda ai complottisti per non finire invischiato nei loro deliri, la richiesta è stata rifiutata. Così Sibrel lo ha definito in pubblico "ladro, "bugiardo" e "codardo". A questo punto Aldrin lo ha steso con un sinistro da manuale. Il momento clou del filmato della scena (quello completo dura una decina di secondi, ma non l'ho ancora trovato) è a vostra disposizione.

La cosa ironica è che c'è chi insinua che questo filmato non sia autentico e che Sibrel abbia soltanto simulato di aver ricevuto il pugno: come nota la BBC, Sibrel non ha riportato ferite visibili e non ha richiesto assistenza medica. E se fosse tutta una messinscena? Come fa Sibrel a dimostrare di aver davvero preso un sinistro? Suvvia, che un settantaduenne riesca a stendere un corpulento trentasettenne è molto inverosimile... Insomma, chi la fa, l'aspetti.

Be', a parte questi complottisti duri e puri, che sono comunque fortunatamente un'esigua minoranza, ci sono molte persone semplicemente perplesse. Sentono queste teorie e si chiedono se ci possa essere qualcosa di fondato; si chiedono se non vi sia un modo semplice per smentirle.

Una delle domande più frequenti di questi indecisi è se non si possa semplicemente puntare un telescopio sui punti di allunaggio e vedere le tracce lasciate dagli astronauti. Ci sono novità importanti: forse ora si può.

Fino a poco tempo fa, infatti, nessuno dei telescopi disponibili, compreso il telescopio spaziale Hubble, era sufficientemente potente da poter rilevare gli oggetti lasciati sulla Luna dagli astronauti (apparecchi scientifici, automobili elettriche usate per le esplorazioni a lungo raggio, la sezione inferiore del modulo lunare, eccetera), la cui dimensione massima è dell'ordine di qualche metro.

Il fatto che i telescopi vedano galassie lontanissime, mentre la Luna è praticamente dietro l'angolo, non deve ingannare: senza addentrarmi in calcoli complicatissimi, le dimensioni apparenti degli oggetti lasciati sulla Luna sono minori di quelle dei corpi celesti ripresi così spettacolarmente dai telescopi. Sono sì molto più lontani, ma sono anche molto, molto, molto, molto più grandi.

Un sito Nasa che raccoglie alcune delle più belle foto astronomiche in assoluto contiene una pagina che spiega il problema in questi termini: il telescopio spaziale Hubble ha uno specchio di 2,4 metri di diametro. Con uno specchio di queste dimensioni, l'oggetto più piccolo distinguibile in un'immagine di Hubble, alla distanza della Luna (pari a circa 400.000 chilometri), ha un diametro di circa 80 metri.

Il modulo lunare (l'oggetto più grande lasciato sulla Luna) è circa dieci volte più piccolo, per cui per vederlo ci vorrebbe un telescopio spaziale dieci volte più grande di Hubble. La foto mostrata nella medesima pagina mostra il modulo lunare sulla Luna, ma è stata presa dalla capsula Apollo in orbita intorno alla Luna, a soli cento chilometri di distanza.

Ora, però, ci sono speranze che il più grande telescopio ottico del mondo, il Very Large Telescope (o VLT) situato in Cile, ce la possa fare. Il VLT è progettato per raggiungere una risoluzione angolare di 0,001 secondi d'arco alla lunghezza d'onda di 1 micrometro, pari a un angolo di 0,000000005 radianti. Traduzione: il VLT è in grado di vedere un oggetto grande due metri alla distanza Terra-Luna. Questo dovrebbe consentire di vedere chiaramente le basi dei moduli lunari rimasti sulla superficie del nostro satellite, che misurano circa cinque metri di diametro.

Secondo il Telegraph del 25 novembre 2002, alcuni ricercatori europei avrebbero proprio intenzione di eseguire quest'esperimento.

Non che questo cambierebbe qualcosa per i complottisti, che anzi hanno già messo le mani avanti. Per esempio, lo stesso articolo del Telegraph riferisce che Marcus Allen, editore della rivista britannica Nexus e complottista da tempo immemorabile, afferma che eventuali immagini dei moduli lunari non dimostrerebbero comunque che gli americani misero degli uomini sulla Luna nel 1969. I moduli lunari, pare di capire, secondo lui potrebbero essere stati depositati sulla Luna da sonde automatiche. Certa gente proprio non molla, vero?

Un altro modo per vedere dettagli così minuscoli è avvicinarsi alla Luna: e infatti è in preparazione la prima missione commerciale verso la Luna. Nel 2003 la società privata TransOrbital ha annunciato il lancio di una piccola sonda che, fra le altre attività, avrà anche il compito di fotografare ad altissima risoluzione (un metro per pixel) le zone dove sono atterrati gli astronauti statunitensi e i veicoli teleguidati sovietici.

La missione, prevista inizialmente per il 2003, è ora slittata ai "primi mesi del 2004". Dubito comunque che anche questo metterà finalmente a tacere i superscettici: argomenteranno sicuramente che anche le foto della TransOrbital sono false e create magari con l'aiuto di George Lucas.

Se vi interessa approfondire l'argomento e leggere un po' di documentazione sulle teorie dei complottisti, c'è un ottimo articolo (in inglese) nella Wikipedia e una sintesi in italiano su attivissimo.net.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)


Il problema dei complotti Leggi tutto
5-10-2006 00:13

Eh si', c'e' questo piccolo particolare... Leggi tutto
25-9-2006 18:44

Peccato che ce ne sia comunque poco anche sulla luna (0.01 ppm) e che serva per la fusione nucleare, non mi pare ci siano centrali elettriche a fusione sul nostro pianeta... http://en.wikipedia.org/wiki/Helium_on_the_moon
25-9-2006 16:11

Quale sarebbe questo "tipo speciale di elio" non presente sulla Terra ma di cui la Luna abbonda? Ma soprattutto quali sono i siensiati che lo affermano? Leggi tutto
25-9-2006 15:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei disposto a pagare per l'acquisto di prodotti per la ''casa intelligente'' nei prossimi 12 mesi?
Fino a 150 euro
Fino a 250 euro
Fino a 500 euro
Fino a 1000 euro
Oltre 1000 euro
Non sono sicuro

Mostra i risultati (859 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics