Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit

A partire dalla versione 2004 si potrà preinstallare solo l'edizione a 64 bit.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-05-2020]

windows10 32 bit

«A partire da Windows 10 versione 2004, tutti i nuovi sistemi Windows 10 dovranno usare l'edizione a 64 bit e Microsoft non rilascerà edizioni a 32 bit per gli Oem»: è con queste parole che Microsoft ha annunciato l'inizio della fine dell'era a 32 bit anche per il mondo Windows.

Oggigiorno, i computer con processori a 32 bit sono una tecnologia in via d'estinzione (salvo particolarissime nicchie di mercato): diverse distribuzioni Linux ne hanno già cessato il supporto, macOS ha abbandonato anche le applicazioni compilate a 32 bit, e ora naturalmente tocca a Windows, che nel mondo desktop detiene la maggiore quota di mercato.

Proprio la vasta base installata è certamente la ragione per la quale Microsoft ha deciso di procedere con assoluta calma: l'annuncio di oggi afferma infatti che Windows 10 a 32 bit non sarà più disponibile per gli assemblatori, ma gli utenti finali - pare di capire - potranno continuare ad acquistarlo, qualora lo desiderino (anche se la maggior parte di loro si ritroverà il sistema preinstallato all'acquisto del Pc).

Le attuali installazioni di Windows 10 a 32 bit continueranno a essere supportate e aggiornate per il prevedibile futuro: quindi potranno essere portate alla versione 2004 senza difficoltà, anche se forse è lecito iniziare a pensare di passare a un sistema a 64 bit.

La decisione di conservare Windows 10 a 32 bit al giorno d'oggi può avere un senso in quanto esso richiede meno risorse rispetto alla versione a 64 bit: le specifiche ufficiale affermano infatti che ha bisogno di 1 Gbyte di RAM, contro i 2 Gbyte di Windows 10 a 64 bit.

La strada è comunque segnata, e per i 32 bit è decisamente iniziata l'era dell'estinzione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
MacOS Catalina, controllate le applicazioni prima di migrare

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 23)

il supporto ai programmi a 16 bit non è presente nei sistemi operativi Windows a 64 bit, solo in quelli a 32 bit (questo perché i sistemi a 64 bit hanno il supporto 'virtuale' alle applicazioni a 32 bit, il famoso WOW) Leggi tutto
17-5-2020 21:14

Magari hanno qualche software specifico. Anche il mio dentista usa XP, ma non lo usa per provare il 'brivido' di andare in rete con IE 8, o per giocare a Pinball. Leggi tutto
17-5-2020 18:57

Io non sarei così allarmista almeno nel breve termine: se non ho capito male Windows X (la versione ARM di windows 10) dovrebbe far girare i programmi x86 (a 32 bit) emulati, quindi più lenti, ma non si parla per ora dell'emulazione x64 (a 64 bit). Magari non c'entra nulla, ma se in 25 anni (da windows 95 al 2020) i programmi a 16 bit... Leggi tutto
17-5-2020 14:49

i processori 8088 e 8086 sono processori a 16 bit Leggi tutto
17-5-2020 13:35

esatto Prima o poi abbandoneranno anche le applicazioni a 32 bit (come e' successo con quelle a 16 bit), e questo probabilmente e' un segnale rivolto agli sviluppatori Leggi tutto
17-5-2020 12:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2322 voti)
Giugno 2021
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics