Il ransomware che si spaccia per l'app Immuni

FuckUnicorn è nato in Italia per colpire medici e farmacisti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-05-2020]

f unicorn sfondo

C'è un nuovo ransomware che si aggira per l'Italia e che sta prendendo di mira soprattutto le farmacie: FuckUnicorn.

Per diffondersi, sfrutta la situazione che s'è creata intorno alla pandemia da Covid-19 e l'imminente arrivo dell'app Immuni, con tecniche di ingegneria sociale che finalmente adoperano un italiano sostanzialmente corretto.

Come al solito, tutto inizia con un'email. Sembra provenire dalla Fofi, la Federazione Ordini farmacisti italiani - ma un più attento esame dell'indirizzo del mittente già svela che così non è: il dominio infatti è fofl.it, con una l minuscola al posto della i. A una lettura frettolosa, però, si potrebbe cascare nel tranello.

Il testo del messaggio invita a provare una fantomatica versione beta di Immuni per Pc, ed è specificamente diretto a farmacisti, personale universitario, medici e altre figure che lavorano per contrastare il virus.

Rispettando ancora il copione, l'email si conclude con un link da cui scaricare quella che dovrebbe essere l'app in beta e invece è il malware vero e proprio.

Se eseguito, mostra una falsa schermata sulla quale appare su una carta del mondo l'andamento della pandemia e, mentre gli utenti sono intenti a studiare la mappa, il ransomware inizia il proprio lavoro sporco, crittografando i dati presenti sul computer.

Sono prese di mira le cartelle Desktop, Links, Contacts, Documents, Downloads, Pictures, Music, OneDrive, Saved Games, Favorites, Searches, e Videos, e una serie di estensioni specifiche.

Ogni file individuato, una volta cifrato, acquisisce una nuova estensione apparentemente casuale e, quando la nefasta opera è conclusa, lo sfondo viene sostituito con quello mostrato in apertura dell'articolo e un pomposo messaggio (che riportiamo più sotto) informa della necessità di pagare un riscatto di 300 euro in Bitcoin entro tre giorni, pena la cancellazione definitiva dei file.

Fin qui, il comportamento di FuckUnicorn sembra quello standard di un ransomware, e gli utenti dovrebbero quindi fare bene a preoccuparsi.

Il CERT-AgID, che ha analizzato la minaccia, afferma però che si tratta dell'opera di un dilettante (probabilmente di nome Leonardo, dato che quello è il nome utente usato sul Pc sul quale il malware è stato compilato, come emerso dall'analisi dei sorgenti).

L'ipotesi è sostenuta dal fatto che la password di cifratura e decifratura viene inviata in chiaro all'ideatore del malware; pertanto è in teoria possibile recuperarla dai log del traffico di rete.

Il codice adoperato inoltre non è una novità: si tratta di quello di un ransomware già noto che è stato riciclato e per il quale è stata confezionata una nuova veste.

Queste ultime sarebbero anche delle buone notizie, ma c'è un problema: l'indirizzo email indicato per comunicare con gli ideatori del malware è fasullo: pertanto è decisamente improbabile che il pagamento del riscatto possa servire a qualcosa.

Ogni utente farà quindi bene, oltre a controllare come sempre ogni dettaglio delle email che riceve (per scovare subito particolari fuori posto come il dominio errato), a ricordare che l'app Immuni esiste solo in versione per Android e iOS.

Tanto dovrebbe essere sufficiente a classificare come "truffa" qualunque messaggio che proponga una versione per Pc, in beta o meno.

f unicorn messaggio

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Hai installato Immuni?
Immuni, rilasciati i sorgenti
Epidemia di ransomware nei film pirata
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Il ransomware che prende di mira gli italiani

Commenti all'articolo (3)

Anche perché, in realtà, è Asclepio o Esculapio... :umpf:
14-6-2020 14:24

Anche la... lunga serpe sul bastone di Asceplio (sic!)... non scherza. :rolling: :rolling: :rolling:
2-6-2020 17:44

{kermit80}
il fuoco di Prometeo... e' ridicolo
27-5-2020 21:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1854 voti)
Settembre 2020
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Tutti gli Arretrati


web metrics