Il condizionatore personale da polso

Basta un tocco per sentirsi a proprio agio in ogni temperatura.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2020]

embr labs wave termostato da polso

A tutti sarà capitato di entrare in una stanza troppo calda o troppo fredda o, peggio ancora, di essere costretti a lavorare tutto il giorno in un ambiente in cui l'aria condizionata o il riscaldamento sono sempre al massimo: in entrambi i casi, il primo a risentirne non è tanto il comfort personale, quanto l'umore.

Nel giugno del 2013, qualcosa del genere è capitata a un gruppo di ingegneri americani. Trovatisi insieme per lavorare alla prototipazione di un progetto, si sono rapidamente accorti che il microclima glaciale del laboratorio, causato dall'aria condizionata, era non solo fastidioso (e costringeva a indossare una felpa alle soglie dell'estate), ma influiva negativamente sul comportamento.

Mettere un ingegnere in condizioni di scomodità significa, però, scatenarne la propensione per la risoluzione dei problemi.

Così quegli ingegneri americani hanno iniziato a pensare a come sarebbe bello se ciascuno potesse regolare la propria temperatura personale: l'equivalente di un termostato che però non controlla le condizioni ambientali di una stanza, ma quelle di una persona.

L'idea ha preso forma e per realizzarla è stata fondata la Embr Labs, il cui prodotto principale è una sorta di braccialetto, chiamato Wave, che riesce a influenzare la percezione della temperatura.

Wave (che si può acquistare dal sito ufficiale) non cambia davvero la temperatura corporea, ma ne altera la percezione: in un laboratorio gelido come quello in cui è nata l'idea, invia quelle che Embr definisce forme d'onda termiche inducendo una sensazione di calore. In un ambiente troppo caldo, avviene l'opposto.

«L'idea è che, in quelle situazioni in cui non si può controllare il termostato o si dimentica a casa il maglione, Wave induce il cervello a sentire caldo o freddo» ha spiegato uno degli inventori in una recente intervista.

Oltre al comando per l'accensione e a un selettore della temperatura, Wave ha quattro modalità preimpostate (gestibili tramite l'app per smartphone): Veloce, Essenziale, Estesa e Addormentarsi.

La modalità Veloce, per esempio, invia delle onde rapide calde o fredde per cinque minuti, e ogni modalità successiva aumenta la durata del "trattamento".

Dalla sua messa in vendita, Wave è già stato venduto in migliaia di esemplari: il braccialetto costa 299 dollari, cui vanno aggiunti tasse e spese di spedizione.

Qui sotto, due video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Perché pensi che quel maschio alfa per eccellenza sappia provocare veramente 'bollori' che durano ore? È tutta scena... :wink: Leggi tutto
29-6-2020 13:18

Il tutto per non doversi mettere una felpa ? Poi lo usano anche per andare a sciare in costume da bagno ? Poi già sentir parlare di forme d'onda termiche mi ispira poco, se almeno fossero quantiche sarebbero più efficaci...
29-6-2020 11:48

il "Rocco Siffredi da polso™" :lol: :lol:
28-6-2020 23:15

Io aspetto quello che provoca orgasmi di ore. Leggi tutto
28-6-2020 22:51

{utente anonimo}
bella c@zz@ta, così ci si prende una polmonite o si collassa dal caldo senza accorgersene, cioè una specia di eutanasia :-). Sarebbe da vietare, altro che!
27-6-2020 17:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1969 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics