Il bug più serio mai scoperto in Windows

Permette di ottenere il controllo completo su una rete con dominio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2020]

zerologon bug windows server

Alla presenza di bug in Windows siamo ormai abituati, tanto che spesso gli utenti sono più seccati che tranquillizzati dalla mole di aggiornamenti che li risolvono.

Quello scoperto da Tom Tervoort, esperto di sicurezza che lavora per l'olandese Secura, è particolarmente grave, tanto da essere stato definito come uno dei bug più seri mai scoperti.

Si tratta di una falla in Netlogon, il protocollo usato nelle reti con dominio per autenticare gli utenti, e che è stata battezzata Zerologon.

Tervoort ha scoperto che, sfruttandola, qualunque macchina presente nella rete locale può reimpostare la password del controller di dominio e disabilitare le caratteristiche di sicurezza.

Non occorre nemmeno molto tempo per farlo: Secura afferma che bastano tre secondi per compiere azioni estremamente pericolose dal punto di vista della sicurezza come impersonare il controller di dominio, modificare la password e, infine, avere libero accesso all'intera rete aziendale.

Il fatto che per poter portare l'attacco sia necessario essere collegati alla rete che si intende compromettere mitiga un po' la portata del problema, che però non deve essere sottovalutato. Anzi.

«L'attacco può avere un impatto enorme perché consente a qualsiasi aggressore sulla rete locale di compromettere completamente il dominio Windows», come commenta Secura.

Una volta che la rete è compromessa, chi ne ha il controllo può fare praticamente ciò che vuole, dal sottrarre i dati all'installare malware sui Pc connessi.

Proprio a causa della sua serietà, Zerologon ha ottenuto il massimo punteggio di gravità (10 su 10) e i dettagli relativi sono stati tenuti segreti fino a ora.

Se adesso sono stati rivelati è perché Microsoft ha rilasciato delle patch che risolvono la falla alla radice, e che gli amministratori di sistema faranno bene ad applicare immediatamente.

Un proof of concept dello sfruttamento della vulnerabilità già esiste, e gli hacker non tarderanno a sfruttare le informazioni pubblicate per cercare di ottenere il massimo nel tempo che passerà sino all'installazione delle correzioni.

Secura ha messo a disposizione degli amministratori di sistema anche uno strumento scritto in Python che permette loro di verificare se i server da loro amministrati siano vulnerabili a Zerologon: si trova gratuitamente su GitHub.

Nello schema qui sotto, il modo in cui funziona un attacco che sfrutta Zerologon.

zerologon schema

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

{utente anonimo}
Sta girando un virus, che Defender non riconosce, in un allegato .doc (non .docx), dice che non si apre perché è un formato vecchio e di abilitare la modifica, invece abiliti il virus!
16-9-2020 17:28

Casualmente, ora che Microsoft ha l'interesse a boicottare i vecchi win7, windows server ecc. ecco che compaiono bug sempre più gravi...
16-9-2020 13:48

il bug fa sì che si possa resettare la password dell'amministratore di dominio, quindi dove è stato sfruttato (se è successo) ha lasciato di sicuro tracce. Leggi tutto
16-9-2020 13:12

Sempre piú verso la fusione tra detective stories e science fictions!
15-9-2020 22:25

{bedub}
Sicuramente servizi segreti e hacker statali usano da anni questo bug... Saranno molto seccati, immagino.
15-9-2020 16:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2143 voti)
Settembre 2020
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Tutti gli Arretrati


web metrics