Cassandra Crossing/ Cassandra ripara il telefonino



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-08-2022]

fairphone

Sulla carta il Fairphone 3+ (modello ormai "anziano", essendo uscito il fratello maggiore Fairphone 4) presenta due caratteristiche che lo distinguono da tutti gli altri smartphone sul mercato. La prima è quella di essere prodotto rispettando dichiarati vincoli di sostenibilità e di etica sull'estrazione delle materie prime, mentre la seconda è quella di essere riparabile direttamente dall'utente.

La rivista specializzata del settore iFixit gli assegna il massimo punteggio di riparabilità, 10/10. Nessun altro smartphone, tranne il Fairphone 4, raggiunge infatti questo punteggio; tuttavia la recensione del Fairphone 4 critica blandamente qualche dettaglio, suggerendo che il 10 sia in realtà un 10 meno, invece del 10 pieno del Fairphone 3+.

Ma veniamo al dunque; perché oggi Cassandra tedia nuovamente i suoi 24 irriducibili lettori su questo argomento? Semplice, perché la pratica è più interessante e importante della grammatica, e il Fairphone 3+ di Cassandra, dopo 23 mesi di onorevole servizio e un paio di cadute rovinose, che tuttavia lo avevano lasciato apparentemente indenne, si è improvvisamente guastato. La nostra profetessa preferita ha quindi avuto modo di verificare sulla sua pelle il voto e le pretese di riparabilità del telefono. Ma non anticipiamo; cosa è successo esattamente?

Qualche tempo fa il telefono ha cominciato ad avere problemi di ricarica; talvolta la mattina non si era ricaricato. Non era un problema di batteria, né di alimentatore né di cavo, verificato tramite sostituzioni, e si manifestava sempre più frequentemente. A un certo punto il telefono ha smesso di ricaricarsi, diventando una mattonella inutile; continuava sì a ricaricarsi, ma alla ridicola velocità dell'uno percento all'ora, tre o quattro giorni per una ricarica completa.

Per fortuna la garanzia di due anni era ancora operativa, anche se con un margine di pochi giorni. Contatto immediato con il venditore (il concessionario europeo in Francia) e il processo di riparazione in garanzia si è attivato.

È stato molto soddisfacente, anche se un poco lento; dopo l'apertura del ticket e uno scambio di email, in poco più di una settimana è arrivata l'etichetta per la spedizione gratuita via corriere. Sono state anche chiarite le condizioni di riparazione, cioè che se il telefono fosse risultato danneggiato dall'utente, e non guasto, la riparazione sarebbe stata addebitata. Giusto, anche se non proprio gradevole, ma così almeno il servizio di riparazione sarebbe stato garantito.

Nel frattempo, avendo spostato la SIM su un muletto, non solo "datato" (con Android 4) ma "dotato" di tutti i "vantaggi" di uno smartphone "googlizzato" (vantaggi accuratamente sterilizzati ma la cui sterilizzazione "azzoppava" il telefono), Cassandra sperimentava ahimè la mancanza della propria configurazione software di /e/, amorosamente costruita in quasi due anni. E proprio questa amata configurazione sarebbe stata azzerata durante il processo di riparazione in garanzia; molto correttamente questo fatto era stato comunicato chiaramente nello scambio di email.

La notizia aveva fatto tremare Cassandra. Per cui, malgrado l'attivazione della garanzia, Cassandra ha deciso, pur con qualche riluttanza, di cimentarsi nell'autoriparazione. Un rapido esame della struttura del telefono e dei ricambi disponibili rivelava che un cosiddetto "modulo inferiore" conteneva il microfono e la presa USB3, ed era responsabile del processo di ricarica.

Costando solo 19,90 euro, a fronte dei quasi 500 del telefono, provvedeva a ordinarlo senz'altro, insieme a una seconda batteria, sia perché "non si sa mai" che per meglio "sfruttare" le spese di spedizione. Il materiale arrivava in 3 giorni; dopo qualche altra esitazione e attenta lettura della guida al disassemblaggio, del manuale del telefono e della guida alla sostituzione del modulo inferiore, Cassandra si è finalmente seduta alla scrivania con in mano il piccolo cacciavite magnetico fornito all'origine nella scatola del telefono, e sempre lì rimasto nei due anni trascorsi.

Sentendosi come Abramo che alza la sciabola su Isacco, Cassandra provvedeva a staccare il telefono dalla custodia, a togliere la batteria e ad aprirlo. Emergevano le già familiari 13 viti, tutte uguali (ottimo per la riparabilità) ma tutte microscopiche, per la delizia dei cristallini di Cassandra, da anni irrigiditi per motivi anagrafici. Bando alle esitazioni; dopo aver delicatamente e ordinatamente svitato le 13 viti e averle riposte in un contenitore, giungeva il momento fatidico dello smontaggio delle varie parti del telefono, ancora unite da incastri.

Come ben sa chiunque vi si sia cimentato, è questa la fase in cui si rischia di fare danni, applicando forza eccessiva o nella direzione sbagliata. Ma con l'aiuto della guida, dopo un paio di tentativi infruttuosi perché troppo delicati, il telefono veniva diviso in due senza nessun danno. La parte superiore è l'insieme display, mentre quella inferiore contiene tutti gli altri componenti. Le due parti comunicano tra di loro tramite contatti a pressione, quindi nessun delicato e rischioso cavo da scollegare.

Liberato così l'accesso al modulo inferiore, si svitavano altre quattro viti, si alzava con l'unghia il microscopico connettore flat e con delicatezza si estraeva il modulo. In pochi minuti il nuovo modulo è inserito, avvitato e collegato, e in una decina di minuti di ulteriori delicati avvitamenti il telefono è completamente riassemblato e, gioia, si accende regolarmente!

Debitamente testate una a una, tutte le funzioni radio si rivelano operative, quindi niente "danni da riparazione". E, gioia al quadrato, la ricarica funziona perfettamente, e persino l'audio uscente (il "modulo inferiore" sostituito contiene anche il microfono,) sembra essere migliorato. D'altra parte, se si deve dar credito a chi di riparabilità se ne intende, non ci si poteva aspettare altro.

Ultima nota positiva; dopo aver comunicato all'help desk che Cassandra non avrebbe usufruito della garanzia perché aveva risolto il problema da sola, il costo del modulo acquistato è stato rimborsato sulla carta di credito. Cosa molto logica ma, abituata agli altri e molto più bassi livelli di assistenza nostrana, le è giunta quasi inaspettata e le ha fatto molto piacere. Per la seconda volta, prodotto fortemente consigliato.

P.S. Siccome usa molto "recensire" cose regalate, Cassandra vuole sottolineare di non essere un'influencer di strada bensì un'onesta profetessa, che il Fairphone 3+ protagonista di questa storia se l'è regolarmente comprato due anni fa, e soprattutto che nessun altro l'ha pagato, nemmeno a sua insaputa!

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

{Davemaru}
Questo problema nella ricarica è comune e di solito si risolve togliendo la polvere accumulata nel connettore. Io ho risolto con uno stuzzicadenti e la skill sviluppata con l'Allegro chirurgo!
20-8-2022 19:50

Esperienza molto interessante, grazie a Cassandra per l'articolo e la condivisione.
20-8-2022 15:40

Dipende dal valore che dai alla tua privacy. Se non lo usi con un ecosistema software libero, oppure se ci installi subito i Google services certamente no. Se accompagni le due cose con un minimo di ridiscussione delle tue abitudini d'uso ottieni il massimo. Leggi tutto
20-8-2022 10:13

{al}
ottima pubblicità. resta un po' costoso
20-8-2022 07:47

Mi sono sempre chiesto se Fairphone, al di la della riparabilitÓ, fosse un telefono che vale tutto quello che costa.
19-8-2022 20:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. ╚ allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sý, le strade saranno pi¨ sicure
No, servirÓ solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2494 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics