Autodenuncia di massa contro il D.L. Urbani

Contro il decreto Urbani, se dovesse passare nella sua ultima pessima formulazione, si potrebbe utilizzare la forma di lotta dell'autodenuncia di massa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-04-2004]

Il decreto Urbani secondo le promesse dello stesso Ministro, di autorevolissimi esponenti della maggioranza come Adornato e Gabriella Carlucci, avrebbe dovuto essere corretto con l'eliminazione delle sanzioni per chi pratica il file-sharing senza scopo di lucro; invece il decreto esce dalla Camera notevolmente peggiorato.

Oltre alle sanzioni amministrative, chi dovesse scaricare musica o film coperti dal diritto di autore, richia ora pene dai sei mesi ai tre anni di carcere. E' una totale assurdità: rischia di meno chi dovesse rubare un Tir carico di Cd o Dvd, in un contesto in cui recentemente sono stati depenalizzati molti altri reati di maggiore rilevanza sociale.

L'azione penale è obbligatoria nel nostro Paese: gli organi di Polizia Giudiziaria come Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e la Magistratura, in presenza di una notizia di un reato devono attivarsi, aprendo indagini e processando i sospettati del reato.

Uno dei modi per lottare contro questo decreto, nel caso dovesse essere approvato senza ulteriori modifiche, potrebbe essere l'autodenuncia di massa. Migliaia o decine di migliaia di utenti della Rete che si recano nelle sedi della Guardia di Finanza, della Polizia Postale e delle comunicazioni, nei comandi dei Carabinieri o scrivono ai Procuratori Generali della Repubblica, nelle varie sedi giudiziarie, per autodenunciarsi per aver scaricato musica o film coperti dal diritto d'auutore.

Certo, se non l'hanno fatto, rischiano una controdenuncia per autocalunnia; ma che l'abbiano fatto o no, come potranno reggere le autorità di polizia a un pacifico e non-violento assalto di cittadini che si autodenunciano, facendo perdere notevole tempo, con code e atttese? E poi apriranno le indagini? Intaseranno gli Isp con richieste di documentazione?

I giudici lasceranno perdere il loro gravoso lavoro e ben altre priorità per istruire indagini e processi che si potrebbero tenere solo negli stadi (forse) o via satellite, o magari on line?

A mali estremi, estremi rimedi; pacifici e civili, ma sempre estremi. Che cosa ne pensano i lettori di Zeus News?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 48)

niccolo
Denucia in pratica Leggi tutto
19-5-2004 12:39

0aruex
La corazzata Potiomkin Leggi tutto
15-5-2004 07:33

Emanuele
Ma vogliamo tornare indietro? Leggi tutto
4-5-2004 15:48

non serve l'autodenuncia Leggi tutto
1-5-2004 13:17

Miry
nemmeno io sono molto daccordo sull'autodenucnia..non per paura ma solo perche' sicuramente procurerebbe dei guai a qualcuno di noi utenti e comunque non ci sarebbe un grosso riscontro..sono invece daccordo per la disdetta in massa di adsl e fastweb..considerando l'incazzatra delle societa' telecom ecc.. direi che il... Leggi tutto
28-4-2004 21:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (767 voti)
Maggio 2019
Falla in WhatsApp: basta una telefonata per ritrovarsi uno spyware sul telefono
Il primo processore completamente inviolabile
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Windows 10 disporrà di un vero kernel Linux
Apple beccata a barare sulla durata delle batterie (ma non è la sola)
Ricaricate lo smartphone di notte? La batteria durerà meno
Programmatore autodidatta risolve puzzle del MIT con 15 anni d'anticipo
Aprile 2019
Windows 10, aumentano i requisiti minimi di sistema
Mark Zuckerberg: entro cinque anni avremo due Facebook
Windows, si allunga la lista di antivirus che bloccano il Pc
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Tutti gli Arretrati


web metrics