Una legge per la GMail di Google

In California sta per essere approvata una legge per regolamentare la Mail di Google da 1 GB: si potrà utilizzare a fini pubblicitari ma anche cancellare i messaggi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2004]

L'arma segreta di Google, appena quotata in Borsa, per evitare di perdere terreno, nella guerra aperta tra motori di ricerca, oggi con Yahoo e domani con Microsoft, è la GMail cioè la MailBox gratuita da 1 GB, in cui è possibile fare le ricerche attraverso un motere di ricerca interno a Google.

Questa novità positiva ed unica nel campo dei servizi di posta elettronica, aveva destato numerosi sospetti e allarmi per i rischi che la possibilità, che Google intende utilizzare, di analizzare il contenuto della corrispondenza dell'utente per proporgli messaggi pubblicitari altamente personalizzati, può avere per la privacy.

Addirittura, il Parlamento dello Stato della California intende approvare una legge, a garanzia della privacy, per questo e altri casi che si potranno proporre in futuro.

La legge, concordata con la stessa Google (tipica usanza statunitense), permette la scansione automatica delle e-mail a fini promozionali per trovare le parole chiave per l'invio di messaggi pubblicitari.

Viene riconosciuta però (bontà loro) la possibilità per l'utente di cancellare completamente le e-mail mentre, nella versione che è stata testata della GMail, le e-mail avrebbero dovuto rimanere in un archivio, sempre a fini pubblicitari.

Si tratta di un evidente compromesso fra Google e politici più sensibili ai temi della privacy che costituisce, comunque, un precedente per gli altri stati Usa e per l'Europa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

madvero
PS: precedente Leggi tutto
4-6-2004 08:04

madvero
ma siamo impazziti? Leggi tutto
4-6-2004 08:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3436 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics