Antitrust contro Authority

Il Presidente dell'Antitrust si schiera per lo scorporo della Rete da Telecom Italia, contro l'opinione dell'Authority per le Comunicazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-06-2004]

C'è Authority e Authority, verrebbe da dire, dopo aver ascoltato la relazione annuale del Presidente dell'Autorità Antitrust Tesauro. Il professor Tesauro, infatti, nella sua relazione si è schierato contro i monopoli privati di fatto che reggono, contro ogni retorica della liberalizzazione, nei servizi pubblici.

Nel mirino dell'Antitrust di Tesauro le bollette del gas, fra le più alte d'Europa, ma anche le Tlc: Tesauro si chiede retoricamente perché nella telefonia fissa non si è raggiunto il livello di concorrenza, anche sui prezzi e sulle formule tariffarie, nonché sulla facilità di cambiare gestore e sui servizi, che è stato raggiunto nella telefonia mobile.

Per Tesauro la ragione è nel fatto che Telecom Italia controlla anche la Rete che utilizzano i suoi stessi concorrenti, mentre per l'Antitrust le Reti dell'energia elettrica, del gas, del trasporto ferroviario, delle telecomunicazioni dovrebbero essere pubbliche e separate dalle imprese che gestiscono i servizi.

Non sono dichiarazioni nuove da parte di Tesauro e dell'organismo che lui presiede. Peccato che vadano in clamorosa collisione di rotta con le decisioni e il pensiero dell'Authority per le Comunicazioni, presieduta da Enzo Cheli, competente in materia di sorveglianza dei mercati delle Tlc, anche se su questa materia deve interpellare per un parere la stessa Antitrust (un parere di cui può non tenere conto, come in pratica ha fatto).

Più volte interpellata dai concorrenti di Telecom Italia, a partire dalla stessa Wind (proprietà dell'Enel e quindi controllata dal Governo), l'Authority per le comunicazioni ha deciso per una separazione amministrativa, contabile e burocratica della Rete Telecom Italia dalle aree commerciali e di servizio ai clienti della stessa Telecom, ma ha sempre escluso una separazione in due aziende, possibilmente non riconducibili alla stessa proprietà.

Siamo di fronte a un conflitto inedito tra due Authority indipendenti, elette dal Parlamento e riconducibili (per quanto riguarda le figure di Cheli e Tesauro) più al centrosinistra che li nominò che all'attuale maggioranza di centrodestra, che presto li sostituirà con uomini più vicini al suo orientamento.

Il problema è ulteriormente complicato dal fatto che una parte delle competenze dell'Authority delle Comunicazioni è stato letteralmente scippato dal Governo, che li ha ritrasferiti al Ministero delle Comunicazioni: un ministero, fino a poco tempo fa, addirittura destinato a sparire.

Un'altra complicazione è che non si conosce ancora chi sarà il successore in autunno di Mario Monti, componente italiano della Commissione Europea in cui ha le deleghe per la libera concorrenza.

Monti, di cui tutti conoscono l'inflessibilità adottata contro Microsoft, non sarà confermato al suo posto, nonostante l'universale stima per la sua persona e il suo operato espressa da tutti i partiti (è un tecnico vicino al Partito Popolare Europeo) e da tutte le nazioni, per far posto a un politico come Buttiglione, Tremonti o Martino.

Monti, se fosse rimasto commissario europeo all'Antitrust, si sarebbe battutto per la separazione fra Reti e servizi nell'ambito delle Tlc ma ancora non si conosce chi, e quale orientamento avrà, il commissario che prenderà, in Ottobre, le sue deleghe e che, molto probabilmente, non sarà italiano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

chip6502
reti unidirezionali terrestri e reti telefoniche Leggi tutto
27-6-2004 19:26

Il NANO
Le soluzioni all'italiana Leggi tutto
26-6-2004 01:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai per entrare in un sito di home banking (ad esempio, Money Bank). Quale tra questi indirizzi Internet ti sembra sicuro?
http://MoneyBank.com
https://MoneyBank.com
https://MoneyBamk.com
https://MoneyBank.xyz.com
Non uso siti di home banking

Mostra i risultati (3163 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics