Le bollette dei dialer andranno pagate?

Molti utenti ricevono da Telecom Italia una lettera che rammenta loro le bollette gonfiate dai dialer. Forse il debito degli utenti truffati è stato solo congelato?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-08-2004]

A Torino, in questi giorni d'estate, si stanno chiudendo le indagini sulla vicenda dei dialer, cioè delle bollette Telecom Italia, gonfiate da chiamate effettuate verso numeri 899 e 709, grazie a software che, abusivamente e senza che l'utente ne avesse la consapevolezza, connettevano i Pc con numerazioni particolarmente costose o verso numeri internazionali.

Le indagini nella maggior parte dei casi non hanno portato a niente: i numeri 899 e 709 erano stati affittati da società residenti all'estero, in paradisi fiscali se non terrestri come lontane isole dei Caraibi; difficilissimo se non impossibile risalire, arrestare e condannare i responsabili delle truffe.

Gli utenti che hanno presentato denuncia non hanno pagato l'importo completo delle bollette e hanno pagato su un bollettino di conto corrente postale l'importo della bolletta al netto degli addebiti per i dialer.

Moltissimi però hanno pagato senza fiatare, prima che scoppiasse lo scandalo; altri hanno presentato denuncia e intanto hanno pagato e oggi attendono il rimborso; altri ancora, nei primi tempi, hanno subito sospensioni della linea per contenziosi legati alla vicenda.

Oggi le indagini vengono chiuse dalla magistratura che, pur non potendo colpire i responsabili, ha certificato il carattere fraudolento di queste società gestori dei dialer che hanno danneggiato l'utenza (e la stessa immagine di Telecom Italia), frenato la diffusione di Internet ma, in qualche misura, anche favorito la diffusione dell'Adsl.

Molti utenti che a suo tempo avevano fatto denuncia, ricevono ora lettere da Telecom Italia nelle quali viene loro ricordata la vicenda; per questo, un'importante associazione dei consumatori, l'Aduc, ipotizza che presto Telecom Italia possa reclamare il pagamento dei "debiti" congelati legati ai dialer.

Un'ipotesi del genere, anche se si rivelasse vera, non avrebbe fondamento legale anche a fronte delle indagini giudiziarie.

Sarebbe bene, però, che l'Authority delle Comunicazioni (che successivamente allo scandalo, aveva emesso un severo regolamento sui dialer, oltre ad aver obbligato Telecom Italia alla disabilitazione gratuita di chi ne fa richiesta), e il Ministro Gasparri intervenissero su Telecom Italia per chiarire, una volta per tutte, i termini della questione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

ivan
ho ricevuto la lettera da telecom, che presa per.. Leggi tutto
6-2-2005 22:20

Virusilgiornale
Cornuti & mazziati Leggi tutto
15-10-2004 23:07

hobbies
è una indecenza !!! Leggi tutto
9-10-2004 17:48

Nino Piero
Per la serie: proviamo a raschiare il barile... Leggi tutto
21-9-2004 22:15

Roberto
Ho ricevuto la lettera Leggi tutto
6-9-2004 09:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6382 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics