In pochi disposti a pagare per la musica on-line

Sarebbero solo il 3,9% degli utenti Internet italiani, secondo l'analisi condotta da Nielsen.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-11-2004]

Un'analisi portata avanti da Nielsen mediante interviste a un campione di navigatori della Rete ha rivelato che in Italia solo il 3,9% degli utenti di Internet sarebbe disposto a pagare per scaricare musica on-line.

Proiettati i risultati dell'indagine sull'intera popolazione della Rete, significa che attualmente solo 680 mila utenti su 17 milioni conterebbe su servizi di musica on-line.

Tali dati potrebbero essere resi più confortanti se il campione di riferimento fosse quello di coloro che abitualmente scambiano file di musica in Rete: la percentuale degli utenti disposti a pagare salirebbe al 17,6%.

Secondo Nielsen, a fronte di un passato 76%, oggi "solo" il 56% degli italiani pensa che continuerà a usare metodi illegali per scaricare musica; meno di un anno fa - nel dicembre 2003 - la percentuale era di ben il 67,5%.

Aumenta invece il numero di utenti che dichiara di sapere che il download dalle reti P2P è illegale (il 55,4% contro il 48% del dicembre 2003). Nel nostro Paese, i luoghi da cui si preferisce piratare sono le scuole, le università e i posti di lavoro. La ricerca sul mercato italiano è stata commissionata dalla Federazione contro la Pirateria Musicale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1291 voti)
Febbraio 2019
Hai criticato Mark Zuckerberg? Allora forse Facebook ti sta già tracciando
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics