In pochi disposti a pagare per la musica on-line

Sarebbero solo il 3,9% degli utenti Internet italiani, secondo l'analisi condotta da Nielsen.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-11-2004]

Un'analisi portata avanti da Nielsen mediante interviste a un campione di navigatori della Rete ha rivelato che in Italia solo il 3,9% degli utenti di Internet sarebbe disposto a pagare per scaricare musica on-line.

Proiettati i risultati dell'indagine sull'intera popolazione della Rete, significa che attualmente solo 680 mila utenti su 17 milioni conterebbe su servizi di musica on-line.

Tali dati potrebbero essere resi più confortanti se il campione di riferimento fosse quello di coloro che abitualmente scambiano file di musica in Rete: la percentuale degli utenti disposti a pagare salirebbe al 17,6%.

Secondo Nielsen, a fronte di un passato 76%, oggi "solo" il 56% degli italiani pensa che continuerà a usare metodi illegali per scaricare musica; meno di un anno fa - nel dicembre 2003 - la percentuale era di ben il 67,5%.

Aumenta invece il numero di utenti che dichiara di sapere che il download dalle reti P2P è illegale (il 55,4% contro il 48% del dicembre 2003). Nel nostro Paese, i luoghi da cui si preferisce piratare sono le scuole, le università e i posti di lavoro. La ricerca sul mercato italiano è stata commissionata dalla Federazione contro la Pirateria Musicale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (2714 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics