Internet e privacy, la prima "grana" per Frattini

I Garanti della Privacy dei 25 Paesi Europei giudicano pericolosa la conservazione a tempo indeterminato, da parte degli Isp, dei log relativi al traffico degli utenti. Si tratta della prima questione scottante per il neocommissario europeo Franco Frattini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-11-2004]

I Garanti per la privacy dei 25 Paesi dell'Unione Europa, cioè tutti i colleghi del Prof. Rodotà, si sono riuniti e hanno assunto un orientamento piuttosto preciso rispetto alla normativa sulla conservazione dei dati di traffico sul Web da parte degli Internet Provider.

Secondo la conferenza europea dei Garanti per la privacy nemmeno l'esigenza di combattere il terrorismo può giustificare l'obbligo della conservazione generalizzata per lunghi periodi dei dati di traffico Internet, nonchè quelli relativi alle comunicazioni telefoniche: questa sarebbe una prassi pericolosa per la libertà e la privacy dei cittadini europei.

Si tratta di un pronunciamento importante, che contraddice le decisioni assunte dopo l'attentato sanguinoso ai treni di Madrid, dalla conferenza dei Primi Ministri dell'Unione e la stessa legislazione italiana, che prevede un obbligo di 36 mesi per la conservazione dei dati da parte dei provider e dei gestori telefonici; tale periodo, su sollecitazione del Garante, era stato ridotto dagli originari 5 anni, su cui il Governo voleva attestarsi.

Ora siamo di fronte a un conflitto tra quanto hanno deciso insieme i governi nazionali e il parere della conferenza degli organismi indipendenti preposti alla tutela della privacy: un conflitto su cui potrebbe essere chiamato a esprimersi il nuovo Parlamento europeo.

Si tratta anche di una delle prime "grane" per il neocommissario italiano Franco Frattini, che ricopre proprio l'incarico per la Giustizia e i diritti civili; come Ministro degli Esteri, Frattini aveva partecipato sia alle decisioni del dopo-Madrid che all'emanazione della legge italiana sulla materia. Vedremo dunque come saprà muoversi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1755 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics