Filmati i pendolari che bloccano i treni

Gli ultimi blocchi dei treni causati dai pendolari esasperati sono stati videoregistrati. Le tecnologie permettono una schedatura di massa dei pendolari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2005]

Nell'ultimo mese si sono susseguiti i blocchi ferroviari, soprattutto sulla linea Torino-Milano-Venezia, la più importante del nostro sistema ferroviario perché vi circolano quasi il 50% dei passeggeri e delle merci su strada ferrata e perché nevralgica nel sistema ferroviario italiano.

I blocchi di questi giorni sono quasi sempre spontanei, organizzati sul momento da gente comune, impiegati, operai, studenti, senza organizzazione né capi, ma solo sulla spinta della rabbia per treni eternamente in ritardo, sovraffollati, freddi d'inverno e roventi d'estate, con porte che non si aprono o non si chiudono, che danno sempre la precedenza a treni internazionali spesso vuoti o treni merci, sempre sporchi.

E' gente che non vuole sovvertire l'ordine democratico, né intende danneggiare alcunché, ma desidera solo arrivare in orario al lavoro per evitare di essere penalizzata economicamente, o addirittura perdere il posto. Dopo giorni di ritardi, treni guasti, scioperi del personale, alla fine queste persone si mettono sui binari bloccando i treni e così ricevono finalmente l'attenzione (che non avevano mai avuto prima) da parte di Trenitalia, dei politici di governo ed opposizione, dei giornali e della Tv.

Durante gli ultimi blocchi, oltre a funzionari e ad amministratori di Trenitalia e delle Ferrovie Nord, sul luogo sono accorsi reparti di polizia in assetto antisommossa per sfollare gli improvvisati manifestanti-pendolari. Sono accorsi anche operatori della Digos, muniti di videocamere, che hanno realizzato molto materiale video, con molte immagini di occupanti che saranno tramesse alla magistratura che indaga sulle denunce per interruzione di pubblico servizio e blocco ferroviario presentate da Trenitalia.

Pare che le questure dei capoluoghi di provincia sulla linea da Torino a Milano abbiano avuto disposizione dal Ministero dell'Interno di schedare e costituire dei dossier, per i pendolari più "animosi" e arrabbiati, sui comitati spontanei che si sono formati, anche per organizzare lo sciopero degli abbonamenti e sulle loro attività.

I pendolari in ritardo sono forse pericolosi terroristi? Nel Paese delle prescrizioni e dei perdoni, forse la Polizia Ferroviaria e la Digos dovrebbero indagare su altro: magari sugli stessi manager delle Ferrovie (i nomi si sanno già) per interruzione di pubblico servizio. Per le riprese, basta chiedere alla Rai le registrazioni di qualche intervista.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 23)

Pinko Leggi tutto
4-2-2005 15:42

Bruno
Per Ireneo: ma perchè non te ne vai a Cuba? Leggi tutto
3-2-2005 22:23

Marco
Non sono affatto d'accordo con quello che scrivete Leggi tutto
3-2-2005 22:17

Giorgio
Perche la Magistratura non indaga? Leggi tutto
3-2-2005 21:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (414 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics