Yogux, Microyoga e il copyright creativo

La giustizia californiana riconosce il copyright sullo yoga. Per il mondo open source niente di importante, ma che tristezza!



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-04-2005]

Elaborazione di una foto di Behrooz Jaffa -

Una corte federale U.S.A. ha stabilito che una sequenza di asana (posizioni) yoga, elaborate in maniera sufficientemente creativa è degna di protezione intellettuale. La decisione è solo l'ultimo atto della giustizia statunitense, che sembra essere diventata il laboratorio mondiale del copyright creativo.

Niente paura: l'ex ministro Giulio Tremonti stavolta non c'entra. La disputa è tra Bikram Choudhury, il fondatore indiscusso del popolare marchio "Bikram Yoga", che per semplicità chiameremo "Microyoga", e l'"Open Source Yoga Unity Inc.", che per noi sarà semplicemente "Yogux", un'organizzazione di istruttori che combatte i marchi e il copyright di Microyoga.

Felici, ovviamente, gli avvocati di Choudhury: "Sono molto soddisfatta," ha detto Susan Hollander, "sebbene il caso non sia ancora concluso, l'opinione del giudice ha chiarito la legittimità del copyright sullo yoga."

Il tribunale, nella persona del giudice Phyllis Hamilton, della Corte federale di San Francisco, ha comunque riconosciuto la singolarità del caso, scrivendo che "sembra improprio, e incredibile, che una sequenza di posizioni yoga possa essere oggetto di proprietà intellettuale." Nonostante questo, e nonostante la mancanza di precedenti su questioni analoghe, ha stabilito che nulla osta all'apposizione del copyright.

Sembra dunque probabile che Miss Hamilton rigetterà l'istanza di Yogux, che chiede la nullità del copyright apposto da Microyoga sulle proprie sequenze di asana. Se così fosse, il signor Choudhury potrà ricorrere a tutti i mezzi per minacciare e diffidare tutti i maestri yoga interessati all'utilizzo di sequenze Microyoga o simili.

Non ci associamo agli allarmismi delle riviste web specializzate d'oltreoceano. In quel lontano tribunale californiano non si sta svolgendo una causa determinante sui futuri equilibri mondiali: se una sequenza di posizioni yoga potrà essere oggetto di copyright, il mondo non cambierà di certo.

Preoccupante, invece, la vicenda lo è dal punto di vista del costume. Vedere dei maestri yoga combattere in tribunale a colpi di cavilli e di avvocati costosissimi, per questioni di proprietà intellettuale, deve essere uno spettacolo tristissimo. Significa che siamo davvero caduti in basso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

spens
caro michele, vorrei farti i complimenti non solo per il presente articolo, ma per tutti quelli che portano la tua firma.Sono tra i lettori di zeusnews da pochi mesi, ma sono diventato subito un fedele letteore grazie ai tuoi articoli. Soprattutto mi ha fatto piacere trovare qualcuno che abbia capito cosa voglia dire veramente... Leggi tutto
12-6-2005 20:20

Brdiando
non leggo nemmeno ma sono certo che... Leggi tutto
12-4-2005 16:12

Non solo triste, anche pericoloso Leggi tutto
12-4-2005 11:54

Michele Bottari
Ahimè, è tutto tristemente vero.Basta inserire alcune parole chiave (tipo "Phyllis Hamilton yoga", senza virgolette) in un motore di ricerca, e scoprirai tutto su quel processo, che negli USA ha molto seguito.A volte la realta' supera la fantasia.
12-4-2005 09:51

MAC-USA Leggi tutto
11-4-2005 21:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1237 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics