Authority senza informatici

Non c'è nessun esperto di informatica tra i nuovi componenti dell'Authority per la privacy. Appello a Ciampi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-04-2005]

foto di Kevin Cloutier

L'Associazione Italiana Docenti Universitari di Informatica rivolge un appello al Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Si tratta dei nuovi componenti dell'Authority per la Privacy che il Parlamento ha recentemente eletto. I docenti universitari di informatica lamentano che, scorrendo i curriculum vitae dei componenti, non risulta nessun esperto di informatica, anche se la legge istitutiva dell'organismo di garanzia prescrive che i membri dell'organismo siano "scelti tra persone che assicurino indipendenza e che siano esperti di riconosciuta competenza nelle materie del diritto o dell'informatica, garantendo la presenza di entrambe le qualificazioni."

Secondo gli informatici delle Università questo dettato della legge è ancora più valido alla luce del sempre maggiore peso che l'informatica e le nuove tecnologie hanno nella società sviluppando sempre maggiori problematiche proprio in ordine alla difesa della privacy.

Si rivolgono a Ciampi perchè, nel rispetto di quanto è previsto dalla legge, non firmi il decreto presidenziale di convalida dell'elezione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

adriano cancellari
Se i prescelti sono esperti "nelle materie del diritto", io non mi scandalizzerei tanto. Sono un dottore commercialista con una discretra conoscenza in materia di privacy ed ho fatto vari interventi presso le aziende per adeguarle alle nuove misure minime di sicurezza. Ho anche tenuto vari corsi e seminari, ad aziende private e non, in... Leggi tutto
11-5-2005 13:22

max
:(( sviluppo economico E-commerce servizi bancari e poi?? se non cè qualcuno che sappia cosa regolamentare che si fa? mettano almeno dei consulenti anche per la questione difendere la privacy da spyware e altri sudiciumi per una educazione di massa
16-4-2005 17:54

Fabio Tomei
PUO' SUCCEDERE SOLO IN ITALIA Leggi tutto
14-4-2005 17:36

Povera Italia Leggi tutto
14-4-2005 11:21

daniele
politica Leggi tutto
14-4-2005 09:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (367 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics