Ubuntu Linux alla riscossa

Breezy Badger, l'ultima versione del pinguino sudafricano, è un salto decisivo di qualità. Lo spirito dell'umanità va alla conquista dei windowsiani insoddisfatti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-10-2005]

Il logo di Ubuntu: tre persone diverse

Squilli di tromba, campane a festa. ubuntulinux.org rilascia la terza versione dei suoi favolosi e amatissimi software. Ubuntu è un'antica parola africana che significa più o meno "universo degli uomini", un universo in cui l'azione fatta nei confronti dell'elemento più piccolo e marginale si ripercuote su tutti gli altri.

Dall'ottobre dello scorso anno è anche il nome di una distribuzione Linux, basata su Debian, che intende "portare lo spirito di Ubuntu nel mondo dell'informatica". È di origine sudafricana perchè sudafricani sono il patron Mark Shuttleworth e una discreta parte degli sviluppatori.

A un anno dalla sua uscita, da giovedì scorso è finalmente disponibile la versione 5.10 (i numeri si riferiscono ad anno e mese di rilascio). Come quasi tutte le distribuzioni Linux, si rivolge sia al desktop sia al server, ma è evidente che è sul primo ambito che Ubuntu gioca le sue carte migliori.

Conosciutissima tra i linuxiani, (a pochi mesi dal debutto già primeggiava secondo distrowatch) la distribuzione è tuttora sconosciuta fuori dalla comunità FLOSS (software Free/libero/opensource), nonostante una crescita incessante di adepti e una montagna di riconoscimenti dalla stampa specializzata.

Con questa versione, Ubuntu conta di aver fatto il definitivo salto di qualità. Superati i residui peccati di gioventù, si propone agli operatori che cercano un software flessibile, facile di usare, ma anche potente e completo. Il riferimento è soprattutto al mondo degli utenti Microsoft, sempre più insoddisfatti e ora impauriti dalla svolta restrittiva che si prepara col prossimo Vista.

Molte le migliorie in termini di facilità di uso, incentrate sui tradizionali cavalli di battaglia: prima di tutto il supporto hardware di una valanga di schede grafiche, dispositivi audio, stampanti, scanner, dispositivi di rete e Bluetooth.

Grande attenzione è stata dedicata alla cosiddetta "thin client technology", un utilizzo di risorse molto tirchio e risparmioso, per rendere umanamente veloci hardware anche un po' datati, come quelli che si trovano spesso nelle scuole.

Aggiornatissimi i pacchetti disponibili, a partire da GNOME 2.12 e KDE 3.4.3 fino a OpenOffice.org 2.0, che supporta il nuovo Open Document Format, caldeggiato da OASIS, recentemente adottato come standard dallo stato del Massachusetts. La versione del kernel Linux è la 2.6.12.5 con molti driver aggiornati e supporto esteso per i portatili.

Accanto alle distribuzioni classiche, Ubuntu (con ambiente grafico Gnome) e Kubuntu (la gemella con l'ambiente grafico KDE), viene rilasciata anche Edubuntu, sviluppata in collaborazione con gli insegnanti e indirizzata alle aule informatiche delle scuole.

Un'altra novità è il supporto per la preinstallazione sulle macchine nuove, sia in via esclusiva, sia in dual boot con un altro sistema operativo. Questa feature, destinata agli OEM, cioè ai produttori di hardware finito, potrebbe essere un fattore-chiave per la diffusione del pinguino in tutto il mondo. Uno dei motivi fondamentali di ostacolo è infatti la completa e totale assenza nei negozi di hardware, che tendono a vendere soltanto macchine con software proprietario preinstallato.

L'impegno di Ubuntu Linux, ricordiamo, è di essere per sempre libero, gratuito, senza restrizioni all'utilizzo, aggiornato sistematicamente ogni sei mesi e supportato in termini di sicurezza per 18 mesi da ogni rilascio. È pure disponibile il supporto tecnico professionale, ovviamente a pagamento, offerto da una rete di società nel mondo, destinato alla clientela enterprise.

Sempre più sterminata e completa l'offerta di immagini iso, che comprende le tre varianti (Ubuntu, Kubuntu, Edubuntu), offerte per tre piattaforme hardware (AMD 64bit, i386 e powerpc), in due modalità di installazione (fissa e live CD). In totale, diciotto belle alternative: buon divertimento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

Per qualche motivo che non posso conoscere, l'installazione non Ŕ andata a buon fine. Anche se non puoi scaricare nulla col modem, la distribuzione deve essere completa e funzionante, mancano solo programmi non necessarie e la localizzazione linguistica. Per far partire la grafica, dovrebbe essere sufficiente digitare da shell... Leggi tutto
2-11-2005 14:13

Salve. Io ho tentato installare Ubuntu (5.10) nel mio Toshiba (in dual boot con XP). Ho accesso a Internet solo con modem, che non so nemmeno se sia compatibile con Linux, quindi durante l'installazione non ho potuto scaricare nulla. Il login si presenta in modalitÓ testo e non so con che comando far partire la grafica, non so se non... Leggi tutto
2-11-2005 12:12

La tua domanda mi Ŕ sembrata pertinente. Leggi tutto
26-10-2005 17:36

{scusate}
riferito all'ultimo messaggio di liver, un dubbio sull'installazione.. e so che farò una magra figura di ignorante.. ma come si connette mentre lo installo?
26-10-2005 14:56

La Ubuntu utilizza il sistema di installazione pacchetti apt di Debian, che in versione grafica si chiama Synaptic. Questo sistema permette di concentrare i pacchetti critici di installazione su un solo CD, demandando al download automatico tutte le opzioni dell'utente, tra cui la localizzazione linguistica italiana. Ecco, uno dei... Leggi tutto
22-10-2005 08:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della paritÓ.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1569 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics