La Chiesa italiana vuole puntare sulla Rete

Intervista a Mons. Francesco Mazza, direttore dell'Ufficio Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana e fondatore dell'Associazione dei Webmaster cattolici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-10-2005]

La Chiesa Italiana nel suo recente "Direttorio per le Comunicazioni Sociali" ha dato molto spazio al ruolo che vuole imparare a giocare nella Rete, a partire dalle sue Comunità di Base, le Parrocchie. Per saperne di più di questo rinnovato e sempre più forte interesse della Chiesa per Internet, abbiamo intervistato Monsignor Francesco Mazza, direttore dell'Ufficio Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana (CEI) e fondatore dell'Associazione Webmaster cattolici (WeCa).

ZN: Molti giornali, semplificando un po', hanno affermato che i Vescovi chiedevano a ogni Parrocchia, o aggregazione di Parrocchie, di dotarsi di un sito web. Perché una Parrocchia dovrebbe aprirsi un sito?

Monsignor Mazza: "La necessità di un sito parrocchiale o diocesano non risponde all'esigenza di avere comunque il "mezzo" nuovo ma potrebbe costituire una adeguata risorsa nella pianificazione pastorale per raggiungere gli obiettivi che tale progetto pastorale ha in sé. I vantaggi di un sito virtuale, nella logica specifica della interazione e della connessione, possono migliorare la vita ordinaria di una comunità eccelsiale (sia essa parrocchiale o diocesana) in ordine alla circolazione di informazioni e al reperimento delle fonti documentali, alla comunicazione tra gruppi e singoli, alla collaborazione a distanza, alle scelte formative con l'e-learning e così via.

ZN: Ponga in evidenza i punti di forza e quelli di debolezza della presenza dei cattolici italiani nella Rete.

Monsignor Mazza: "Ad una disamina attenta dei tanti siti di matrice cattolica in Italia (siamo ormai alla soglia delle diecimila unità, vedi wwww.siticattolici.it n.d.r.) si può rilevare che c'è un alta percentuale di essi che utilizza lo spazio virtuale per informare e mettere a disposizione materiale utile, quasi una vetrina dove accedere per consultare. Manca una decisa concentrazione dell'uso della rete per sostenere i livelli di comunicazione, a parte l'uso diffuso dell'e-mail. Pochi sono ancora coloro che valorizzano le nuove tecnologie per progetti da costruire insieme e per scelte di collaborazione attive su progetti specifici (aggiornamento, consultazione su problematiche comuni, formazione dei formatori...). In definitiva, la rete dovrebbe entrare nel "lavoro ordinario" della pastorale!"

ZN: Che cosa sta facendo la CEI concretamente per aiutare le Comunità cristiane a essere più presenti in Rete?

Monsignor Mazza: "Va detto innanzitutto che le nuove tecnologie diventano sempre più accessibili anche dal punto di vista economico. Certo in ragione dei criteri di affidabilità e di sicurezza occorre predisporre una pianificazione attenta che oltre alle risorse materiali sappia individuare risorse umane all'altezza di garantire una certa continuità. La CEI su questo versante, da un decennio ormai, ha costruito software e ambienti virtuali dedicati principalmente ai presidi istituzionali sul territorio nazionale. Alle parrocchie e diocesi si chiede di individuare chi possa, con efficacia e in piena sintonia con le scelte della comunità stessa, dare continuità e "sagomare" tali risorse per le diverse esigenze. E tutto questo con grande economia di scala senza perdere l'eccellenza in qualità."

ZN: Perché è stata fondata l'Associazione dei Webmaster Cattolici (WeCa)?

Monsignor Mazza: "WeCa è un area di confronto e di collaborazione. Confronto sulle dinamiche culturali che le nuove tecnologie immettono nel vivere sociale e nella stessa comunità ecclesiale, attraverso documentazione e suggerimento online come anche tramite convegni e seminari su temi specifici. Collaborazione sul fronte degli aggiornamenti tecnici, su progetti che richiedono competenze difficilmente reperibili dal singolo webmaster, favorendo per i soci convenzioni con i grandi fornitori di tecnologie e strutturando quelle inziative che sono di fondamentale urgenza per chi opera nella rete, come corsi di formazione online per webanimator".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

{Anonimo Romagnolo}
Le strade del Signore sono infinite......
9-11-2005 20:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino generalmente personale, spesso il tablet condiviso in casa. E' cos?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1750 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics