Pagamenti via cellulare, ancora passi indietro

Contactless card: un rivoluzionario sistema di pagamento, o l'ennesima pagliacciata?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-11-2005]

Un micro-cellulare nella carta di credito

Non da ieri, siamo convinti che l'utilizzo di uno strumento di pagamento elettronico, diffuso e bi-direzionale, possa costituire una svolta nei rapporti economici e sociali. Nel lontano 2003, il nostro Danilo Moi ne tracciò le caratteristiche.

Ovviamente, cosa c'è di più diffuso e bi-direzionale del telefono cellulare? La proposta di utilizzarlo come sistema di pagamento è così interessante, che più di qualcuno sembra muoversi in questo senso.

Se ne parla pure in questi giorni, sull'inserto tecnologico di Repubblica, dove Alessio Balbi parla dell'adozione di una sorta di "telepass via cellulare" da parte della metropolitana di Parigi.

"In Giappone, quello delle contactless card è già un fenomeno," scrive Balbi, "oggi ne circolano oltre 25 milioni, e altrettante se le spartiscono Hong Kong e Singapore". Interessante, che sia la volta buona?

Leggiamo: "11 milioni di giapponesi prendono il treno con questo sistema. Non solo, si comprano anche gli hamburger da McDonald's e si noleggiano i dvd". Come non detto, ci risiamo. È sempre il solito pagamento mono-direzionale, da privati a grossi enti, società ferroviarie, multinazionali, major discografiche.

"Tutto quello che oggi passa per schede prepagate è pronto a migrare, in tempi rapidi, nelle sim di un telefonino," continua Balbi. "La mente corre immediatamente alle partite di calcio in pay per view. Il passo successivo sono i cartelloni pubblicitari intelligenti in grado di funzionare come box office: guardo il manifesto, tiro fuori il telefonino e compro il biglietto."

La cosa si fa sempre più inquietante. Ma non è finita: "L'aspetto fondamentale della faccenda è quello che gli addetti chiamano" (udite udite) "la trasparenza del sistema: il consumatore deve portare a termine la transazione senza quasi avere la percezione che sia avvenuta. Con un vantaggio chiaro da entrambe le parti, i clienti acquistano in ogni momento e a cuor leggero, e il negozio vende di più."

Ecco svelato il trucco. Il sistema è stato progettato per sfilare al consumatore i sudatissimi soldi, senza quasi averne la percezione, a cuor leggero. Siamo alle solite, e buona notte all'economia democratica e biiettiva.

Pare proprio che le menti più semplici della nostra società, vale a dire gli economisti e i manager, si ostinino a non capire l'impatto dell'ICT sulla società e sull'economia.

Si sforzano di applicare, su ogni nuova tecnologia, le dinamiche dell'economia tradizionale, sottovalutandone in tutto e per tutto le reali potenzialità. Il loro punto di vista è annebbiato, non sappiamo quanto dall'incapacità e quanto dal desiderio di favorire i padroni di oggi.

In ogni caso la loro politica è oltremodo miope. Presto o tardi le risorse da drenare ai poveracci finiranno. E se, nel frattempo, non si sarà creato un sistema per produrre ricchezza equamente distribuita, saranno guai grossi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Se Facebook diventa "la banca"

Commenti all'articolo (2)

{questions}
domanda per marco Leggi tutto
2-11-2005 12:26

{Marco}
pagamenti non solo con il cellulare Leggi tutto
2-11-2005 09:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (1025 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 settembre


web metrics