Pagamenti via cellulare, ancora passi indietro

Contactless card: un rivoluzionario sistema di pagamento, o l'ennesima pagliacciata?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-11-2005]

Un micro-cellulare nella carta di credito

Non da ieri, siamo convinti che l'utilizzo di uno strumento di pagamento elettronico, diffuso e bi-direzionale, possa costituire una svolta nei rapporti economici e sociali. Nel lontano 2003, il nostro Danilo Moi ne tracciò le caratteristiche.

Ovviamente, cosa c'è di più diffuso e bi-direzionale del telefono cellulare? La proposta di utilizzarlo come sistema di pagamento è così interessante, che più di qualcuno sembra muoversi in questo senso.

Se ne parla pure in questi giorni, sull'inserto tecnologico di Repubblica, dove Alessio Balbi parla dell'adozione di una sorta di "telepass via cellulare" da parte della metropolitana di Parigi.

"In Giappone, quello delle contactless card è già un fenomeno," scrive Balbi, "oggi ne circolano oltre 25 milioni, e altrettante se le spartiscono Hong Kong e Singapore". Interessante, che sia la volta buona?

Leggiamo: "11 milioni di giapponesi prendono il treno con questo sistema. Non solo, si comprano anche gli hamburger da McDonald's e si noleggiano i dvd". Come non detto, ci risiamo. È sempre il solito pagamento mono-direzionale, da privati a grossi enti, società ferroviarie, multinazionali, major discografiche.

"Tutto quello che oggi passa per schede prepagate è pronto a migrare, in tempi rapidi, nelle sim di un telefonino," continua Balbi. "La mente corre immediatamente alle partite di calcio in pay per view. Il passo successivo sono i cartelloni pubblicitari intelligenti in grado di funzionare come box office: guardo il manifesto, tiro fuori il telefonino e compro il biglietto."

La cosa si fa sempre più inquietante. Ma non è finita: "L'aspetto fondamentale della faccenda è quello che gli addetti chiamano" (udite udite) "la trasparenza del sistema: il consumatore deve portare a termine la transazione senza quasi avere la percezione che sia avvenuta. Con un vantaggio chiaro da entrambe le parti, i clienti acquistano in ogni momento e a cuor leggero, e il negozio vende di più."

Ecco svelato il trucco. Il sistema è stato progettato per sfilare al consumatore i sudatissimi soldi, senza quasi averne la percezione, a cuor leggero. Siamo alle solite, e buona notte all'economia democratica e biiettiva.

Pare proprio che le menti più semplici della nostra società, vale a dire gli economisti e i manager, si ostinino a non capire l'impatto dell'ICT sulla società e sull'economia.

Si sforzano di applicare, su ogni nuova tecnologia, le dinamiche dell'economia tradizionale, sottovalutandone in tutto e per tutto le reali potenzialità. Il loro punto di vista è annebbiato, non sappiamo quanto dall'incapacità e quanto dal desiderio di favorire i padroni di oggi.

In ogni caso la loro politica è oltremodo miope. Presto o tardi le risorse da drenare ai poveracci finiranno. E se, nel frattempo, non si sarà creato un sistema per produrre ricchezza equamente distribuita, saranno guai grossi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Se Facebook diventa "la banca"

Commenti all'articolo (2)

{questions}
domanda per marco Leggi tutto
2-11-2005 12:26

{Marco}
pagamenti non solo con il cellulare Leggi tutto
2-11-2005 09:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
S, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho gi uno smart watch: il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2732 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics