Una spia nel taschino

Il telefonino si arricchisce di nuovi, smart, fichissimi servizi a pagamento. E' la fine della privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-02-2006]

Telefonino

State passeggiando in città, quando ricevete un SMS: "Svendita al negozio di scarpe Fred's, alla tua sinistra. Ce ne sono parecchie della tua misura." Oppure: "Tua moglie, in un questionario, sostiene che sei poco trasgressivo: al Sexy Shop alla tua destra, troverai qualcosa che la intrigherà."

Non si tratta di fantascienza: sono le meraviglie della tecnologia dei "Location Based Services" (LBS), su cui molte compagnie telecom e informatiche stanno investendo cifre faraoniche.

Il vostro prossimo telefonino (tra un mese o due, se continua così) sarà dotato di un ricevitore satellitare GPS (Global Positioning System), l'apparecchio che permette di individuare con esattezza la propria posizione sulla superficie terrestre. Fin qui, niente di strano. È moda assai diffusa quella di dotare i telefonini di ogni sorta di gadget tecnologico, come macchina fotografica, telecamera, televisione, radio, lettore mp3 eccetera. Un posizionatore GPS è un attrezzo utile, e occupa poco spazio.

Fino a ora, la navigazione satellitare non ha comportato oneri per l'utente, se si esclude l'acquisto dell'impianto. Perché allora tutta questa attenzione dei colossi finanziari nei LBS? Il motivo sta nella marea di servizi ad alto valore aggiunto disponibili, che voi pagherete con il vostro denaro o con la vostra riservatezza.

L'uovo di colombo sta nel fatto che il cellulare non è solo in grado di ricevere informazioni dai satelliti, ma anche di trasmettere la propria posizione a un server remoto, con una precisione nell'ordine di qualche metro. Volete essere costantemente informati sulle condizioni del tempo e del traffico, nel luogo in cui siete o vi state dirigendo? O pagate, o accettate qualche consiglio dai nostri sponsor. L'affare è, come intuibile, gigantesco.

Gli apripista di questo futuribile settore sono le aziende che hanno molto personale a zonzo per il pianeta, di cui hanno una voglia matta di controllare gli spostamenti. Fino a poco tempo fa si preoccupavano di localizzare il loro veicolo, come riportato in questo articolo. Ora, grazie ai LBS, si può seguire da vicino il singolo agente di commercio, non la sua vettura. Basta solo che lui abbia nel taschino il cellulare, la spia camuffata da fonte di servizi smart e irrinunciabili.

I clienti corporate sono una nicchia trascurabile di quello che potrebbe diventare il mercato consumer: negli USA sono già in commercio apparecchi con LBS integrato. Promettono, oltre ai soliti gadget come fotocamera e suonerie polifoniche, il navigatore satellitare con istruzioni vocali (fornite in remoto dal provider) e una serie di servizi indispensabili, come la ricerca (sponsorizzata) dei ristoranti con la capacità di prenotare via telefono o SMS.

È il colpo finale alla nostra riservatezza, già messa a repentaglio con la diffusione massiccia e totale del telefonino. Il problema sta nel fatto che il cellulare non è il luogo migliore per i nostri dati personali, una scatola nera dove riporre, con fiducia, le foto della fidanzata in abiti succinti, la musica che ascoltiamo, i programmi televisivi che guardiamo, e ora anche i nostri spostamenti.

Mettere tutte queste informazioni in un apparecchio trasmittente, inaccessibile e a tecnologia proprietaria, è una tentazione troppo ghiotta per chi fa delle informazioni riservate un veicolo per spillarci quattrini. D'ora in poi non saremo più solo reperibili (un privilegio che un tempo era un onere e veniva pure pagato), ma sarà possibile compilare per ciascuno di noi un profilo con gusti e abitudini sessuali. E saremo sempre localizzabili e tracciabili.

Se qualcuno si affida alle autority che amministrano la privacy dei cittadini, buon per lui. Gli obietteranno che, se si vuole usufruire dei fantastici servizi LBS, occorre dare un consenso informato all'utilizzo dei propri dati. Inoltre, leggi e authority sono lì apposta per farsi scavalcare: come dimostra la caterva di pubblicità indesiderata e mirata che arriva a ciascuno di noi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

{utente anonimo}
il gioco delle tlc è sulla stupidità dell'utonto medio.Molta gente paga windows al posto di linux free ed il tempo risparmiato nell'apprendere unix lo passa a spedire foto con mms. Poi naturalmente dicono: cattivo palladium come ci proteggiamo da microsoft e tlc?Tutto ciò è possibile perchè... Leggi tutto
8-2-2006 08:58

finché chiedono di farsi pagare (USD 9,9/mese nell'esempio di Verizon) penso che avranno ben pochi clienti. Pensino, piuttosto, ad un servizio e-mail, agenda, rubrica sincronizzato con il sito internet ed usabile anche da più persone. Questo si che sarebbe un servizio usato da molti. Altro che messaggini, musichette e pubblicità... Leggi tutto
8-2-2006 08:19

{MaXX}
odio i servizi a valore aggiunto Leggi tutto
7-2-2006 19:31

{utente anonimo}
Finchè dura... Leggi tutto
6-2-2006 13:13

{Mimmo}
la loro furberia... Leggi tutto
6-2-2006 06:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali vantaggi ti motivano a investire in prodotti per la smart home?
Prepararsi per quando si arriva a casa dal lavoro
Sicurezza per la casa
Essere pronto ad andare a letto (temperatura, illuminazione, chiusura delle tapparelle)
Intrattenimento accessibile
Cura dei miei parenti anziani

Mostra i risultati (509 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 febbraio


web metrics