Quando il provider gioca sporco

I fornitori di accesso a Internet iniziano a limitare Voip e peer to peer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-02-2006]

Attenti all'Isp (foto di Rezi Gurashi)

Gli utenti più fedeli di Skype se ne sono accorti da tempo. Il noto programma per la comunicazione via voce tramite Internet, comunemente chiamata Voip, pare avere qualche difficoltà. A differenza di quanto accaduto finora, infatti, durante le comunicazioni accade sempre più frequentemente di avvertire rumori strani, disturbi e lunghe pause di silenzio.

Niente paura, è un problema risolvibile. Basta convincere il nostro Internet Service Provider (il fornitore dell'accesso a internet) a eliminare il problema.

E' un problema, sia ben chiaro, non un guasto. Una società americana di nome Sandvine sta lanciando sul mercato dei fornitori di accesso a Internet delle soluzioni per "gestire" le connessioni peer to peer; in altre parole, significa che se all'Isp non piace ciò che stiamo facendo con il nostro accesso a Internet può decidere di rallentarci la connessione, limitatamente all'operazione che stiamo svolgendo. Per esempio, se stiamo utilizzando BitTorrent oppure Skype, il provider può rallentarne le prestazioni, mantenendo inalterata la velocità di navigazione o lo scaricamento di file tramite Ftp.

Secondo una recente statistica, il 60% del traffico totale di Internet e addirittura il 70% del traffico in upstream, vale a dire quello diretto dagli utenti verso la rete, sono relativi a connessioni peer to peer. Negli ultimi tempi la quantità di dati condivisi è aumentata vertiginosamente, e con essa il traffico relativo agli scambi di file. Gli utenti sono passati in pochi mesi dal condividere pochi megabyte di musica Mp3 a diversi gigabyte di file video e ciò ha causato non poche difficoltà ai fornitori di accesso. Il problema è che alle connessioni asincrone come le comuni Adsl, cioé in grado di ricevere dati a velocità molto più elevate rispetto a quelle con cui li inviano, sono richieste prestazioni sempre maggiori anche in fase di invio dei dati.

Prendiamo ad esempio il funzionamento di BitTorrent, che poi non è dissimile da come si comporta lo stesso Skype. I dati non vengono trasmessi inizialmente da un server centrale ma da un qualsiasi utente, che a un certo punto decide di condividere un file. Non appena il file viene ricevuto da un secondo utente, anche quest'ultimo comincia a condividerlo inviandolo sulla rete, e quindi le connessioni in upstream diventano due. In poco tempo diverranno quattro, e così via fino ad avere un numero elevatissimo di utenti che trasmettono dati sulla rete, mentre le connessioni Adsl e una certa architettura di accesso a Internet sono in realtà dimensionate per far soltanto ricevere dati a elevate velocità a tutti gli utenti, dati abitualmente trasmessi da server centrali con connessioni dedicate.

Tutto ciò ha causato un enorme aumento di traffico e quindi dei costi per i provider, che si sono ritrovati costretti ad aumentare le prestazioni delle proprie reti e dei propri nodi per mantenere inalterata la qualità del servizio offerto. Utilizzando gli strumenti offerti da Sandvine, invece, i fornitori di accesso a Internet possono ridurre o addirittura sopprimere tutte le connessioni peer to peer qualora raggiungano una soglia critica per la propria rete, permettendo così ai protocolli che richiedono meno banda (come l'Http utilizzato per la navigazione web) di funzionare con prestazioni inalterate senza ampliare le strutture di rete.

Il sistema sonda il traffico instradato dai nodi della rete e riconosce i dati generati, ad esempio, dal Voip o dal peer to peer. Una volta che la quantità di traffico identificato come Voip o come peer to peer in genere abbia raggiunto una soglia prefissata, il provider può decidere di impedire nuove connessioni o addirittura di rallentare le prestazioni di tutte quelle già stabilite.

Tutto ciò ufficialmente vuole impedire che ci sia disservizio per gli utenti che non usano il peer to peer; ancora una volta il traffico peer to peer viene devinito "cattivo" e viene limitato per evitare sovraccarichi di rete. Ma questa tecnologia può anche essere utilizzata per riconoscere tra loro i vari pacchetti Voip, quindi può permettere all'Isp di rallentare i dati degli operatori concorrenti e di instradare con prestazioni più elevate i propri dati. L'utente potrebbe scoprire che Skype in realtà non funziona così bene e che, al contrario, l'offerta Voip del proprio provider, disponibile per pochi euro al mese, sempre per fare un esempio, funziona benissimo.

In Italia alcuni provider, come per esempio Libero, hanno già cominciato a sfruttare questo genere di tecnologia, presentando le limitazioni di fatto imposte al cliente come una "policy per il corretto utilizzo della banda larga". Ci auguriamo che un simile comportamento non diventi una regola del settore e che al cliente siano assicurati, sotto l'attenta sorveglianza dell'Authority per le Telecomunicazioni, tutti i servizi per cui paga le tariffe più alte d'Europa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

{psycho}
v.i.r.a.provider taglia di fatto il p2p Leggi tutto
9-12-2006 09:52

Io li vedo tutti i giorni ,da quando ho libero 4 mega sono appostissimo (per quanto riguarda la connessione)iper in tutto.Cosi' non posso dire della rete nazionale che mi ha truffato alla grandissima in tutto e per tutto, mandandomi bollette astronomiche per chiamate mai fatte ,e per poter mettere l' adsl con libero per colpa di... Leggi tutto
17-3-2006 20:04

Non SPERIAMO CHE VINCANO I NOSTRO EMULE etc la risposta esatta: IO VOGLIO SOLO CHE MI DICANO: "ti diamo tot alle tot condizioni" invece di scrivere sempre in minuscolo i loro caxxi di comodi che uno in 24 pagine di contratto dovrebbe anche riuscire a vedere con il carattere microscopico e mal definito con cui sono scritti:... Leggi tutto
4-3-2006 06:51

e i famosi 4mega di Libero? Leggi tutto
3-3-2006 15:32

{Luigi}
...ma avete letto?? Leggi tutto
2-3-2006 22:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai inviato Sms o messaggi o email a un tuo familiare mentre entrambi eravate a casa?
No, mai.
E' successo una o due volte.
Ogni tanto capita ma non mia abitudine.
Lo faccio regolarmente.

Mostra i risultati (1571 voti)
Agosto 2019
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
La criptovaluta di Facebook è una manna per gli scammer
Microsoft: Windows 10 è il migliore Windows di sempre
Tutti gli Arretrati


web metrics