Il romanzo tragicomico di una telefonista

Un romanzo spassosissimo (e amaro) dedicato alla vita quotidiana di una venditrice telefonica, precaria e a cottimo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2006]

Foto di Astin le Clercq

Michela Murgia, laureata in teologia, è una delle milioni di lavoratrici intellettuali italiane, costrette a svolgere un lavoro precario e non qualificato per potere tirare avanti: tanto per cambiare, l'operatrice di call center.

Nell'incipit del suo libro "Il mondo deve sapere", appena uscito per i tipi dell'editrice Isbn, definisce il lavoro al call center "uno di quei lavori disperati che ti vergogni a dire agli amici" e perciò dici loro che ti occupi di promozione pubblicitaria.

Michela ha fatto un romanzo tragicomico, esilarante, caustico e feroce della sua esperienza quotidiana, fino a farci ridere fino alle lacrime e poi a farci pensare. Il mondo del marketing telefonico ha come vittime i clienti e le telefoniste, considerate alle pari in un gioco al massacro: un gioco crudele che ha le sue regole, i suoi riti, la sua "filosofia" di marca americana, fatta di slogan triti e ritriti sull'autostima, sul credere negli obbiettivi, sul vincere chissà che cosa - se non un misero compenso orario, qualche stupido viaggio-vacanza in premio e la possibilità di non perdere nemmeno questo straccio di lavoro, facendosi confermare per un altro periodo a termine.

Bellissima è la descrizione della capo delle telefoniste, la supervisor, che in tutti i call center viene soprannominata "Kapò" e che la Murgia infatti soprannomina "Hermann": "Hermann è scatenata. Si sente donna-manager, lo vedo da come si muove. Ha la terza media, ci scommetto. Questo mondo le ha dato l'opportunità di sentirsi qualcosa. Qualcuno è già un passo successivo, non chiediamo troppo. L'Hermann-Qualcosa ha una sorpresa per noi. Gli obiettivi sono allucinanti, duecento appuntamenti al mese per tutte, tranne che per me che sono una new entry. Se per due giorni non fai la media che ti permette di arrivare alla fine del mese a quell'obbiettivo, farai due turni di quattro ore il terzo giorno.

Per Michela e le sue colleghe di sventura, il lavoro consiste nel trovare degli appuntamenti telefonici per i venditori di "Kirby", una scopa elettronica, concorrente del Folletto; per questo devono far credere alle casalinghe che rispondono che si tratta di una visita in cui un incaricato gli pulirà gratis la casa e poi loro dovranno dare un giudizio, ma non c'è assolutamente da comprare nulla.

Michela distingue così gli appuntamenti che riesce a prendere: "L'appuntanamento: l'appuntamento preso con un uomo single o con un marito dominante, con tattiche di struscio telefonico. L'apperculamento: l'appuntamento preso convincendo la signora che ha vermente vinto una pulizia gratuita. L'appietosamento: l'appuntamento preso utilizzando come motivazione di forza l'argomento del lavoro giovanile. L'appersfinimento: l'appuntamento preso dopo un paio di richiami nei quali la signora ti ha sempre mandato a un poi. L'apperònoncompro: l'appuntamento dove solitamente verrà conclusa una vendita del Kirby, perché la signora ha capito esattamente a cosa sta dicendo di sì ospitandoci in casa. Significa che è interessata, ma deve mettere le mani avanti a causa di pressioni di altro tipo (leggi: marito). Ci sono altri motivi per cui una persona ti dà un appuntamento, per esempio se hai trovato la persona che soffre di allergia da acari e cercava proprio uno strumento mirato per quel tipo di igienizzazione. Ma diciamocelo, sono un caso su mille chiamate. Il resto è fuffa, gente a cui il Kirby non serve più del Folletto, ma questo non sarà un motivo che impedirà loro di acquistarlo comunque".

Fantastico è anche il passaggio relativo al viaggio-premio destinato alle telefoniste che prenderanno più appuntamenti: "Vinco un viaggio in un posto dove non sarei mai voluta andare. Non posso avere il corrispettivo in denaro se decido di declinare. Vado quando me lo dicono loro, mangio quello che hanno deciso loro, dormo dive dicono loro e vado persino a feste decise da loro. Tutto questo in compagnia nientepopodimeno che della mia capotelefonista, l'amabile Hermann."

Sempre Harmann che si occupa dell'aspetto motivazionale delle ragazze del call center: "Ieri mattina Hermann mi ha mandato un Sms alle 8 del mattino: Non sei un lavoratore qualunque, perché non fai un lavoro qualunque. Non sei una persona comune, perché sei una persona di successo. Il tuo successo è già dentro di te! Io ti aiuterò a tirarlo fuori. Buona giornata, Hermann".

Finalmente anche in Italia c'è una letteratura che parla del lavoro della gente comune: era ora.

Scheda
Titolo: Il mondo deve sapere
Sottotitolo: Romanzo tragicomico di una telefonista precaria
Autore: Michela Murgia
Editore: Isbn
Prezzo: 10 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

ma no dai.... al massimo dovevi dirgli di no.... è pur sempre gente che lavora..
16-11-2007 09:21

Ho vinto un appuntanamento con la Kirby per domani. Vorrebbero venire qui a igienizzarmi il materasso. Mi sa che gli do' buca. Leggi tutto
14-11-2007 14:09

{utente anonimo}
perché teologia? Leggi tutto
12-6-2006 09:42

in pratica un Borg (*) ! :shock: ok ok..indizio qua Leggi tutto
9-6-2006 14:31

posso confermare che questo lavoro è un vero schifo Leggi tutto
9-6-2006 08:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il file di cui hai bisogno si trova su di un sito di file-sharing. Quando clicchi per scaricarlo, hai l'opzione di effettuare il download a velocità normale o di provare gratis il download ad alta velocità. Quale opzione scegli?
Utilizzo l'opzione velocità normale
Perché aspettare? Vado per l'opzione ad alta velocità
Scarico il file da un'altra fonte
Non uso questo genere di siti Internet

Mostra i risultati (1750 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics