Il Pc da 100 dollari arranca

Smentite le voci di quattro milioni di ordini per il primo lotto. L'India abbandona il progetto "One laptop per child", sbattendo la porta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-08-2006]

Il portatile da 140 dollari

Luci e ombre per il portatile da cento dollari, del programma One Laptop Per Child. È di questi giorni la notizia secondo cui Brasile, Nigeria, Argentina e Tailandia avrebbero ordinato ciascuno un milione di esemplari.

La fonte è autorevole, si tratta di Khaled Hassounah, responsabile OLPC per Medio Oriente e Africa. Ma, ahinoi, si tratta di una bufala.

La smentita viene direttamente da OLPC, che, tramite un portavoce, dichiara: "Non abbiamo firmato alcun contratto di vendita, ma siamo in trattativa con i paesi menzionati. È nostra intenzione presentare la macchina definitiva, prima di accettare ordini commerciali".

"Le macchine non sono ancora in produzione," continua il portavoce, "sebbene ci siano 500 prototipi di nostre schede madri in circolazione presso gli sviluppatori opensource".

Intanto, l'India si stacca nettamente dai paesi interessati al progetto, definendolo come "pedagogicamente sospetto". Secondo le autorità di Nuova Delhi, un notebook a ciascun alunno potrebbe nuocere al pensare creativo e alle capacità di analisi.

"Il progetto OLPC non è sufficientemente maturo per essere preso seriamente in considerazione, qui e ora", sostiene Sudeep Banerjee, il ministro indiano per l'istruzione.

Secondo Banerjee, l'India preferisce spendere il denaro per nuovi insegnanti e per strumenti convenzionali. Una visione forse un po' miope, per un paese che storicamente punta sull'informatica per il proprio riscatto.

L'unico acquirente sicuro, per il portatile OLPC, sembra essere il governo della Nigeria. Il paese africano ne ha ordinato un milione di pezzi, ma l'organizzazione ha fissato il numero minimo, per andare in produzione, di cinque milioni.

Il programma One Laptop Per Child, ideato dal direttore del MIT Media Lab Nicholas Negroponte, si propone di alfabetizzare i bimbi dei paesi svantaggiati attraverso la donazione, da parte della cooperazione internazionale, di milioni di notebook appositamente prodotti.

Si tratta di un progetto molto ambizioso, perché si propone di far scendere il costo unitario dei PC al di sotto dei 100 dollari (si inizierà comunque con non meno di 130/140 dollari a pezzo).

Zeus News segue da vicino questa iniziativa, che suscita entusiasmi e perplessità. Da un lato c'è molto interesse per un hardware dal volto umano, finalmente robusto e minimale.

Dall'altro, non si capisce fino a che punto l'iniziativa benefica possa essere strumentalizzata in chiave di business per i suoi attori, giganti del calibro di Google, News Corp, AMD, Red Hat, Brightstar e Nortel.

Il fatto che i numerosi concorrenti occupino nicchie rigorosamente separate, non aiuta certo a pensar bene.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Ŕ normale che arranchi: i Pc in Africa ci sono giÓ Leggi tutto
2-8-2006 17:54

il mercato potrebbe rendere obsoleta l'idea Leggi tutto
2-8-2006 14:18

{marcodb}
L'India ha ragione! Leggi tutto
2-8-2006 12:53

Da "4 mln di ordini" a "contatti in corso'' Leggi tutto
2-8-2006 11:22

Il senso del Pc da 100 dollari Leggi tutto
2-8-2006 11:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La nuova Xbox One presenta molti punti controversi: impossibilitÓ di prestare giochi agli amici, connessione Internet obbligatoria per giocare, uso del Kinect invece che del telecomando. Secondo te sarÓ un successo o un flop?
AvrÓ pi¨ successo della Xbox 360.
SarÓ un flop colossale.
VenderÓ molto ma non riuscirÓ a bissare il successo dell'edizione 360.

Mostra i risultati (780 voti)
Gennaio 2022
Iliad smentisce le voci di fusione e lancia la fibra
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics