Samsung mette in pensione l'UMTS

Al 4G Forum presentato il futuro della rete: senza fili, mobile e incredibimente veloce.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2006]

Antenna tipo dish

Mentre in Italia stenta a partire la tecnologia UMTS, ovvero la trasmissione per telefonia mobile di terza generazione, Samsung sperimenta con successo la "generazione 4", al 4G Forum, tenuto la scorsa settimana all'isola Cheju nella Corea del Sud.

Per i non addetti, le "generazioni" identificano diversi standard di comunicazione per la telefonia mobile. Alla prima corrispondono le tecnologie analogiche TACS/ETACS, alla seconda lo standard digitale GSM, alla terza lo standard a banda larga UMTS.

Non esistono specifiche particolari per considerare una tecnologia wireless di "quarta generazione": è sufficiente fornire un flusso di 100 Mb/sec di dati a un terminale in movimento, e 1 Gb/sec a un dispositivo fisso.

Questi risultati sono stati ampiamente raggiunti da Samsung, che, a quanto pare, non ha voluto strafare. Pare infatti, da indiscrezioni, che siano già in grado di viaggiare oltre i 3 Gb/sec tra due postazioni in lento movimento, 5 km/h. Siamo molto al di sopra delle velocità offerte dai provider "cablati".

Tanto per fare un paragone, la tecnologia wireless più "in" del momento, il Wi-Max, è in grado di raggiungere una banda di 70Mb/sec su un'area piuttosto ampia.

Risultato eccellente, per le nostre esigenze, ma niente rispetto a quanto dimostrato dall'autobus di Samsung, che scorrazzava per Cheju a 60 km/h ricevendo contemporaneamente film ad alta definizione, videotelefonate e un massiccio download Internet.

La quarta generazione delle comunicazioni mobili non è più un ipotesi scritta sulla carta, ma è già a livello di prototipo. Il tutto mentre la terza, che è costata ai gestori miliardi di euro in licenze tanto esose quanto inutili, non ha ancora praticamente visto la luce.

In Europa, soprattutto in Italia, essa sconta il clamoroso successo dello standard GSM. Sono pochi quelli che affrontano le avventurose tariffe di terza generazione: per la connettività internet il costo è troppo elevato, e la videofonia, a questo grado di diffusione, è solo una possibilità teorica.

Se continua così, l'UMTS non decollerà prima del 2010, quando Samsung prevede di commercializzare i primi apparati 4G.

Nel frattempo, Wi-Fi e Wi-Max si stanno imponendo in tutto il mondo come alternativa affidabile sia per le linee dati che per quelle telefoniche, grazie a felici contaminazioni con la tecnologia Voice Over IP (VOIP).

Tanto per restare in zona, Seul sarà completamente coperta da WiMax nei primi mesi del 2007, sulla falsariga di quanto sta avvenendo in Europa, a Milton Keynes.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (364 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics