Lo sviluppo non sostenibile di Vista

Un libro bianco minaccia l'UE: se ostacoli zio Bill, dirai addio a 32 miliardi e a 100.000 posti di lavoro. Facciamo quattro conti e vediamo se è vero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2006]

Logo Microsoft contro l'ambiente

A sostegno del tour itinerante di cui abbiamo parlato, Microsoft fa uscire il "libro bianco", sugli "effetti economici di Windows Vista".

L'indagine, a firma degli analisti "indipendenti" IDC, promette a sei paesi dell'Unione Europea (Regno Unito, Spagna, Polonia, Germania, Francia e Danimarca) un extra fatturato di 32 miliardi di euro e un incremento dell'occupazione di centomila posti, dovuti al lancio di Windows Vista. Quando sentono un miliardario promettere posti di lavoro, molti italiani fanno gli scongiuri.

Si tratta dell'ultima delle consuete campagne di disinformazione di Redmond, condite da analisti indipendenti. Non a caso, il Linux Journal, parla di "capolavoro del FUD" (Fear Uncertainty and Doubt - paura, incertezza e dubbio).

Lo studio pare in realtà un messaggio trasversale, diretto alla Commissione Europea: ostacolare Vista potrebbe farvi perdere l'occasione di aumentare PIL e posti di lavoro. Con un semplicismo degno di un comiziante politico, IDC disegna un roseo futuro del settore informatico in Europa, naturalmente grazie a Vista.

Il rapporto brilla più per le omissioni, che per i contenuti. Per esempio, non è chiaro chi si accollerà il peso di questi 32 miliardi. La risposta è semplice: noi cittadini. Sia come consumatori, perché saremo costretti a acquistare nuove macchine, sia come aziende, che come contribuenti, perché i nostri enti pubblici dovranno essete tenuti "al passo".

Non si dice che i maggiori beneficiari, ovvero il produttore di software e i produttori di hardware, sono invece locati ben al di fuori dei confini europei. Per cui una buona parte del PIL generato se ne andrà per altri lidi. Saranno in massima parte un ricavo per zio Bill e compagni di merende, e un costo per noi consumatori e contribuenti.

Le considerazioni peggiorano se si affronta il tema del bilancio energetico-ambientale di quello che gli analisti chiamano sinistramente "l'ecosistema Microsoft". Secondo il rapporto, metà dei 32 miliardi sono dovuti all'acquisto di nuovo hardware. Vista richiederà dei mostri, solo per rimanere acceso inattivo.

Computer e macchine elettroniche sono tra gli strumenti più inquinanti che l'uomo abbia creato. Secondo uno studio dell'Università delle Nazioni Unite, ogni PC incide sulla produzione di gas a effetto serra per più di 200 chilogrammi di petrolio equivalente, richiede l'impiego 22 chili di sostanze chimiche, e lo spreco di oltre 1,5 tonnellate d'acqua.

La fabbricazione dei microchip, localizzata in genere in paesi in cui il controllo democratico da parte dei lavoratori è, diciamo, "affievolito", causa molto spesso malformazioni e tumori a lungo termine, per gli addetti alla produzione. Infine, il ritmo di ricambio impressionante di questi apparecchi produce una massa crescente di pericolosa spazzatura elettronica.

Volendo conservare a lungo questo straccio di pianeta, dunque, dovremmo investire su tecnologie pulite, privilegiando il software rispetto all'hardware, la durata rispetto alle prestazioni. La ricetta di zio Bill è quella opposta: far cambiare l'hardware a tutti gli utenti, anche quello perfettamente funzionante, con pochi mesi di vita.

Nei sei paesi oggetto dell'indagine, saranno rottamati 30 milioni di macchine nel solo 2007. Tutto questo significa 6 milioni di tonnellate di petrolio equivalente inutilmente bruciate, 660 mila tonnellate di composti chimici pericolosi, e 45 milioni di metri cubi di acqua sprecati, solo per permettere a 30 milioni di utenti di far girare il sistema operativo. Questa è l'autostrada Microsoft per l'innovazione, il nuovo miracolo europeo.

L'alternativa esiste, ed è quella di migrare a sistemi liberi, come Linux. Ovviamente, le parole "software libero" e "open source" non sono nemmeno menzionate nel libro bianco. L'intera analisi ignora completamente la branca dell'informatica più promettente per crescita e occupazione.

Eppure, se decidessimo di passare al pinguino, potremmo tenerci il nostro PC, e l'incremento di posti di lavoro sarebbe sensibilmente superiore.

Non sarebbero rivenditori e riscossori di licenze a provvigione, ma sviluppatori veri, in grado di aumentare ulteriormente il patrimonio in condivisione.

Aziende, privati cittadini, enti pubblici, nel 2007 dovrebbero porsi di fronte a due possibilità: sbarazzarsi del proprio PC, o di Windows, definitivamente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 46)

E' stato un piacere ^_^ Leggi tutto
2-1-2007 22:19

ottimo lavoro Leggi tutto
2-1-2007 18:40

scusate... Leggi tutto
2-1-2007 13:47

Sono riuscito a leggerla e gi tradotta in italiano ingarbugliata da comprendere, figuriamoci in inglese!!! Non l'avrei mai letta!!! Comunque chiaro il concetto!!! :wink: Leggi tutto
1-1-2007 23:19

I costi di Vista che dovremo pagare tutti, ci piaccia o no. Leggi tutto
1-1-2007 12:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai inviato Sms o messaggi o email a un tuo familiare mentre entrambi eravate a casa?
No, mai.
E' successo una o due volte.
Ogni tanto capita ma non mia abitudine.
Lo faccio regolarmente.

Mostra i risultati (1568 voti)
Agosto 2019
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
La criptovaluta di Facebook è una manna per gli scammer
Microsoft: Windows 10 è il migliore Windows di sempre
Tutti gli Arretrati


web metrics