Le batterie incendiarie non sono casi isolati

Lenovo richiama mezzo milione di batterie per notebook, Toshiba risponde con ottocentomila. Oltre sette milioni di batterie finora ritirate: Sony rischia grosso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-10-2006]

PC bruciato per la batteria

Dopo i clamorosi fatti delle scorse settimane, venerdì l'ultima scoppola per Sony: Lenovo e Toshiba richiamano rispettivamente 526.000 e 830.000 batterie per notebook. Come per i ritiri precedenti di Dell e Apple, si tratta di accumulatori agli ioni di litio prodotti dal gigante giapponese.

Una sostituzione di massa di batterie per portatili, causa pericolo di incendio, potrebbe essere sfortuna. La seconda, molta sfortuna. Ma al quarto ritiro, per un totale che sfiora i 7 milioni e 400 mila esemplari, la sfiga c'entra poco: siamo di fronte a una delle peggiori figure nella storia della micro-elettronica.

Nessuna dichiarazione ufficiale da parte di Toshiba, ma secondo Associated Press il richiamo riguarderebbe i modelli Dynabook, Qosmio, Satellite Portege e Tecra. Ancor più mistero sulle date di produzione dei modelli coinvolti. Toshiba aveva già richiamato 340.000 batterie a settembre, con un annuncio molto più soft, riguardante difetti di produzione meno gravi.

Il problema ora è lo stesso dei concorrenti che hanno preceduto Toshiba: impurità tra anodo e catodo degli elementi della batteria, permettono un corto circuito. Questo potrebbe causare il surriscaldamento del computer portatile o addirittura un incendio.

Danni per Sony, sia all'immagine, sia alle tasche. Il solo rimborso per Dell pare costerà parecchie centinaia di milioni di euro. Per questo la compagnia giapponese, alle strette, ha annunciato il suo ulteriore programma di richiamo di batterie difettose, indipendentemente dall'hardware che le ospita.

Come nel caso del rootkit, esattamente un anno fa, la corsa ai ripari è tardiva e forse insufficiente. Fin dall'inizio, ai primi di agosto, Sony ha minimizzato il problema, negando i pericoli che si sono poi confermati reali.

Questa tattica si è rivelata disastrosa, via via che i difetti emergevano nei forum dedicati e sulla stampa. I nomi dei produttori di notebook coinvolti e il numero dei richiami hanno mostrato al mondo le menzogne di casa Sony, che aveva cercato di etichettare i primi casi come "fortuiti e non replicabili".

Nemmeno i timidi tentativi di addossare la responsabilità sul produttore di PC di turno hanno prodotto risultato, visto che poi, a conti fatti, Sony si è dichiarata disponibile a rifondere i danni.

La botta d'immagine è pari a quella subita per lo scandalo rootkit, e la notizia delle batterie incendiarie ha fatto il giro del mondo. Nei voli aerei la batteria Sony è diventata lo spauracchio dei controlli all'imbarco e non sono poche le compagnie che l'hanno messa al bando, manco fosse Al-Qaeda.

La crisi della multinazionale nipponica non è più solo finanziaria e commerciale, ora investe, e in maniera pesante, l'aspetto tecnico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

In quei giorni, mi sono dovuto attenere alle uniche fonti disponibili, che purtroppo erano solo i comunicati stampa di Sony. Quando devi dispensare notizie "fresche", è facile commettere degli errori. E io non ne sono esente: figurati che ho persino comprato un portatile della mela! Leggi tutto
4-10-2006 17:41

{leone}
Batterie a rischio Leggi tutto
4-10-2006 16:30

{utente anonimo}
ma guarda!eppure a sentire uno dei vostri redattori/amministratori (col portatile della mela...) la colpa sarebbe stata, come al solito di zio Steve Jobs...
3-10-2006 15:49

Leggi tutto
2-10-2006 13:50

lista dei notebook a rischio Leggi tutto
2-10-2006 12:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1814 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics