Disorientare il nemico

"Disorientare il nemico" significa fargli perdere la coordinazione. Quando il nemico è indotto in una situazione che lo rende irresoluto, la vittoria è certa. Così, in un duello, è possibile disorientare l'avversario cambiando continuamente la tecnica di attacco, sino a che si presenta l'opportunità di colpire in modo definitivo. Questa è l'essenza del combattimento e va assimilata a fondo (Miyamoto Musashi, Il Libro dei Cinque Anelli)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-05-2001]

A volte mi chiedono perché mi vesto sempre di nero. La risposta è che un ninja si veste di nero in rispetto del lutto dei suoi avversari, sconfitti per definizione. Oggi utilizzeremo la forza del nemico a nostro vantaggio al fine di disorientarlo e giungere così all'immancabile vittoria. E' una tecnica ben nota nelle arti orientali, consistente nell'essere forti come la montagna ma anche flessibili come il giunco.

Bene, ieri ho letto sul Corriere che la SIAE intende far pagare i diritti sulle suonerie dei telefonini scaricate da Internet. Dopo la faccenda dei bollini SIAE obbligatori su ogni supporto software mi sembra che, con quest'ultima trovata, i nostri amici stiano rapidamente arrivando al punto del non ritorno e che i tempi siano maturi per un onorevole colpo di grazia.

Non appena finito di ridere, quindi, mi sono procurato un bollino SIAE e me lo sono applicato sulla fronte. Sono un softwarista, la mia mente è piena di algoritmi. La mia testa è un contenitore di software, quindi secondo le vigenti leggi bisogna applicare il bollino SIAE. Compiuta questa banale operazione e ristabilita la legalità della mia persona, estraggo la mia tessera MSDN, la impugno come una shuriken e silente colpisco nel buio.

Dovete infatti sapere che esiste una cosa che si chiama Microsoft Developer Network, che è praticamente il meccanismo grazie al quale Microsoft fornisce agli sviluppatori Windows tutte le informazioni, i prodotti e i sistemi operativi della casa di Redmond. Esistono ovviamente varie formule, dalla più semplice che consta di un abbonamento grazie al quale viene recapitata solo documentazione fino alla versione Enterprise, del costo di vari milioni annui e ovviamente orientata alle aziende, che comprende centinaia e centinaia di CD consegnati trimestralmente e contenenti praticamente tutto quello che esce da Redmond.

Bene, un rapido controllo mi permette di stabilire che sul CD originale di Windows 98 c'è, come da legge, il bollino SIAE... ma, per quanto mi sforzi, su quello chiamato "Windows 98 Versions", parte della MSDN, non vedo alcun bollino. E se è per quello, su nessuno dei centinaia e centinaia di CD MSDN compare l'ormai obbligatorio bollino, che, voglio ricordare, la SIAE ha ignominiosamente imposto anche a riviste di informatica che accludono CD contenenti unicamente programmi Shareware e Open Source.

Quindi Microsoft Italia è fuorilegge e chiedo quindi un immediato intervento di SIAE e della Guardia di Finanza atto a scongiurare questo terribile pericolo. Sghignazzo nel pensare alle centinaia di migliaia di bollini SIAE che dovranno partire alla volta della valanga di CD facenti parti di sottoscrizioni MSDN dirette a migliaia di aziende e sviluppatori italiani, ben sapendo che la SIAE ha già avuto notevoli problemi di produzione e distribuzione dei suddetti bollini.

Rendo nota la cosa anche alla BSA, Business Software Alliance, il cui sponsor principale è Microsoft Italia stessa. La BSA si batte proprio per ristabilire la legalità nel campo dei diritti di autore nel mondo informatico e lavora fianco a fianco con SIAE e Guardia di Finanza e direi che in questa occasione si trova in una situazione alquanto imbarazzante.

Insomma, vogliamo fare qualcosa? E' uno scandalo! Vogliamo i Bollini! Io, da parte mia, non intendo rinnovare la mia sottoscrizione a MSDN (e invito tutti gli amici sviluppatori e le aziende con le quali collaboro a fare altrettanto) fino a quando questa deplorevole situazione non sarà chiarita ed ognuno delle centinaia di CD della distribuzione MSDN non sarà corredato dell'obbligatorio bollino.

In cambio prometto di non rimuovere il bollino SIAE dalla mia fronte e, in ottemperanza alla proposta relativa alle musichette dei cellulari, mi impegno fin d'ora a titolo precauzionale a non fischiettare canzoncine coperte da copyright sotto la doccia. D'ora in poi fischietterò solo temi dodecafonici casuali, non si sa mai.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1270 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics