Addio floppy, compagno di mille battaglie

I grandi distributori cessano di ordinare nuovi pezzi. Un altro pezzo di storia dell'informatica se ne va.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2007]

Floppy

Forse i più giovani non capiranno nemmeno di cosa stiamo parlando, ma una lieve malinconia serpeggerà nei più anziani tra di noi, pensando che la data del 29 gennaio 2007 sarà ricordata come quella della fine del floppy disk, dopo 36 anni di onorato servizio.

PC World, la catena di distribuzione informatica leader nel Regno Unito, ha annunciato che continuerà a vendere i dischetti solo fino a quando le scorte non si esauriranno. Ci si attende che, chi non l'ha già fatto, imiterà presto i rivali britannici.

Più di Bill Gates e del suo Windows, il cosetto di plastica ha rivoluzionato l'informatica, rendendola accessibile a tutti, diventando un oggetto di tutti i giorni, tra i più comuni alla fine del secolo scorso.

Nato nel 1971 dagli ingegneri IBM per sostituire le schede perforate, misurava anticamente 8 pollici, circa 20 centimetri. Poi si è via via ristretto in dimensioni, ed espanso in capacità, fino ad arrivare agli attuali 3,5 pollici per 1,4 MB (un'enormità, alla sua apparizione).

Visto da qui sembra un oggetto opzionale per scambiare dati o per piccoli backup, ma al momento della sua comparsa era lo strumento per far girare sistemi operativi, programmi, dati: l'hard disk non esisteva, o aveva prezzi proibitivi.

Nel solo 1998, anno record, ne sono stati venduti più di due miliardi. Oggi, la cifra si aggira sui 700 milioni, ma è in caduta libera.

Apple è il marchio più legato alla storia del floppy: fu il primo produttore hardware a inserire il driver da 3,5 pollici (1984), il primo a lanciare quello ad alta capacità (1988), ma anche il primo ad abbandonarlo, senza ripensamenti, nel 1998.

La letteratura e il cinema sono sempre rimasti affascinati dal dischetto magnetico: i segreti in esso custoditi, in ogni tecno-spy-story che si rispetti, potevano valere il sacrificio di diverse vite umane.

Nonostante questo, e nonostante abbiano riempito le nostre case e i nostri cassetti, non sono riusciti a diventare oggetti di culto come hanno fatto i dischi in vinile, i compact-disc, e per certi versi anche le videocassette VHS. Scartati dai nostri PC, hanno preso la strada delle umide cantine, accanto alle musicassette e agli stereo8 di Fausto Papetti.

Secondo alcuni, sentiremo la loro mancanza. Secondo altri, sono durati anche troppo, pesantemente limitati com'erano in capacità e velocità. Molti li ricordano per lo più come vettori di virus. Di sicuro, il confronto con le nuove memorie è, per molti aspetti, avvilente.

Troppo numerosi, economici e funzionali sono i concorrenti del buon vecchio floppy, per presumere che potesse durare a lungo negli scaffali dei negozi di informatica.

La scelta è grande: dalle comuni penne USB, agli hard disk portatili, alle schede SD e simili, con relativo lettore multiformato. Grazie alla banda larga, i più geek utilizzano le caselle email gratuite con spazi enormi, come i due giga di Gmail, per archiviare dati.

I nostalgici si rassegnino: vedremo dischetti e drive solo nei musei e nei mercatini archeo-informatici. È il progresso, bellezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
I database dei Boeing 747? Si aggiornano con i floppy disk
L'hard disk garantito per durare un milione di anni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

ahhaha :D l'enterprise ... che deformazioni mentali a volte che ci sono in giro ! come nn ricordare mio fratello che installava Doom con 4 dischetti floppy sul suo 486?? oppure scoprire che un settore si era danneggiato e vedevi la torta dello spazio disponibile diminuire ...e per poterlo marcare andava fatto lo scandisk avanzato, e li... Leggi tutto
5-2-2007 19:14

parziale riciclo dei floppy Leggi tutto
2-2-2007 17:20

{Alessandra}
addio vecchio floppy Leggi tutto
31-1-2007 15:28

E che dire della mitica Renault R4 e modelli furgonati, come gli F4 ed F6? Anche queste partivano facilmente a spinta ed avevano il foro per la manovella. Oltre tutto, anche ora, per lo meno la Kangoo, dotata di manovella, o meglio, la chiave per svitare i bulloni delle ruote ed azionare il cric a manovella; evidentemente un tempo... Leggi tutto
31-1-2007 15:08

--- ahahahh! non ero il solo! ricordo (con dolore...) di aver usato 2 volte la famosa manovella per far ripartire la mia prima auto: una superusata Ami 6 familiare con cui ho fatto di tutto e dovunque! dopo un paio d'anni sono passato ad una Dyane "nuova"! tenuta per 14 anni!) pure questa aveva il foro per la manovella ma... Leggi tutto
31-1-2007 13:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual il comportamento pi fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2408 voti)
Aprile 2021
Cerca un sicario nel dark web per sfregiare la fidanzata
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 aprile


web metrics