Mettiamo il mondo in freezer

Al via un mega progetto norvegese, che archivierà tre milioni di campioni di sementi congelate. Ma il pianeta ne ha davvero bisogno?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2007]

Semi rari

La terra va a rotoli, l'ambiente rantola, la monocoltura estingue le specie vegetali senza lasciare traccia? Niente paura: un gruppo di scienziati buoni archivia le sementi, e le tirerà fuori probabilmente il giorno del giudizio universale.

Sembra la trama del prossimo episodio di James Bond, ma l'iniziativa è vera. Il progetto è stato ideato negli anni ottanta, in piena guerra fredda, ma può tornare buono anche per affrontare i disastri climatici dovuti all'effetto serra.

Scavato nel profondo di una montagna gelata su un'isola Artica in un arcipelago chiamato Svalbard, il freezer della biodiversità mondiale può diventare una realtà.

Con muri spessi un metro di cemento armato di qualità, due porte di acciaio a prova di bomba, la cassetta di sicurezza del mondo vegetale, che qualcuno chiama l'arca di Noè della verdura, potrà archiviare 3 milioni di campioni di sementi congelate, pronte a essere usate per ripopolare le specie di cui l'umanità abbisognerà per sopravvivere.

Guerre o disastri climatici non la toccheranno: le Svalbard saranno sempre uno dei luoghi più freddi del pianeta. Il sistema è a prova di blackout elettrico e manterrà le sementi congelate in qualunque condizione.

Esistono altre 1.400 "banche genetiche" in giro per il mondo, secondo le Nazioni Unite, ma finora nessun progetto aveva raggiunto le dimensioni ciclopiche di questo progetto.

Non si tratta di un progetto commerciale, sebbene la Norvegia, nel cui territorio si trovano le Svalbard, sarà proprietaria dell'immobile. In pratica, le nazioni che depositeranno i semi, ne saranno i titolari.

Non è previsto personale permanente, ci sarà solo un controllo annuale. Temperatura e umidità saranno gestite da remoto. L'equipe scientifica si occuperà anche di far germinare i semi periodicamente, per rinnovare le scorte congelate.

Le menti semplici si chiedono: a chi giovano questi mega-progetti? È presto detto: il freezer dell'umanità costa 5 milioni di dollari, e necessiterà di non meno di 100.000 dollari l'anno per la manutenzione. Ovviamente, sarà a carico del contribuente, si immagina norvegese.

Tutto questo mentre esistono già numerose organizzazioni che tutelano la biodiversità con un approccio hacker, dal basso e a una frazione del costo del mega-freezer: i seed saver.

In maniera meno affascinante di James Bond, ma più efficace, il contadino-hacker accede ai siti dei seed-saver, acquista e scambia semi rari, e li coltiva nel proprio orto.

Non si tratta di una biodiversità da museo o da congelatore, ma di una convivenza attiva con queste specie, fatta di adattamenti, incroci, e anche di sostanziose mangiate.

Dalla bomba atomica, se ci sarà, le sementi saranno protette grazie alla loro dislocazione nel territorio, già adattate al territorio circostante. Senza che 007 debba farsi una scarpinata in mezzo ai ghiacci per recuperare i semini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

infatti lo fa per farci dipendere sempre di più. futuri robottini di carne e sangue che mangeranno tutti le stesse cose.. Leggi tutto
25-2-2007 01:48

Soldi o filantropia? Leggi tutto
19-2-2007 06:48

{Alberto}
sementi e biodiversità Leggi tutto
19-2-2007 00:49

Riguardo l'accantonare una parte del raccolto Leggi tutto
18-2-2007 17:25

distrugge in un sol colpo concetto millenario di argicoltura Leggi tutto
17-2-2007 21:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1417 voti)
Agosto 2020
Rassegnatevi, il nuovo Edge non si può disinstallare
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics