I blog tolgono spazio ai siti web

Cresce il numero dei navigatori ma decresce in rapporto al numero dei visitatori per sito, anche per l'interesse che destano i blog.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-02-2007]

Obiettivo: la fidelizzazione dei navigatori. Questa la parola d'ordine che gira tra i responsabili commerciali dei siti grandi e piccoli. Ma anche l'amatore che con fatica e impegno pubblica e mantiene un sito, avrebbe piacere che il counter degli accessi resti costantemente lontano dalla linea rossa. Magari anche durante i periodi di buca e cioè vacanze estive e fine anno, periodo quest'ultimo che statisticamente vede crescere l'interesse solo per chi pubblicizza e vende elettronica di consumo sull'internet.

Il sito Xiti, di proprietà della società AT Internet, specializzata in complete (e se vogliamo, talvolta intrusive) analisi statistiche sulle preferenze dei navigatori, durante circa cinque anni ha realizzato uno studio relativo a quasi 200.000 siti che è particolarmente rivelatore a questo riguardo, e coinvolge l'internet a livello planetario anche se la statistica riguarda la situazione francese per una buona metà dei dati raccolti.

La stima appare valida perché il sito Xiti permette di analizzare l'hardware ed il software utilizzato dal navigatore, ma soprattutto indaga in profondità le preferenze di navigazione e le ricorrenze di consultazione.

Come precisa Sylvie Gueras, responsabile dell'analisi effettuata da Xiti, "lo studio si appoggia su una misurazione costante che permette di svincolare la frequenza media degli accessi ai siti dall'incremento dei collegamenti in assoluto e permette di vedere come il mavigatore si comporti ed evolva nel tempo, anche senza dare un'approssimazione dell'uso totale del web."

Il numero e la durata dei collegamenti tende a decrescere in rapporto al numero totale degli intenauti, rivela ancora la responsabile di Xiti. "Crescono sempre più i siti che si disputano le attenzioni dei navigatori, la concorrenza è via via maggiore ma gli accessi si rivelano più casuali che in passato; cioè viene visitato un numero maggiore di siti ma si ritorna con meno frequenza su siti già visti".

Nell'impossibilità di valutare la pressione dei blog sul totale dei collegamenti, ai gestori non resta che giocare la carta della fidelizzazione da cui sembra ormai dipendere l'evoluzione e la vita stessa dei siti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il prodotto pi obsoleto tra questi?
Il lettore DVD da salotto: sta per fare la fine del videoregistratore VHS.
L'iPod: ormai la musica si ascolta con lo smartphone.
Il Blackberry: ha pochissime app, ormai ha fatto il suo tempo.
Angry Birds: ormai la moda passata.
Un telefonino che non sia smartphone: esistono ancora?
L'auricolare Bluetooth: bruttissimo a vedersi.
Lo smartwatch, per lo meno quelli di prima generazione: brutti e limitati.
Il Nintendo Wii: non pu competere con l'Xbox One e la PS4.

Mostra i risultati (1960 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics