Vodafone attiva servizi a pagamento non richiesti

Sms vocali e relativa notifica: ecco come l'operatore rosso recupera i mancati introiti per le ricariche, azzerati dal decreto Bersani.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2007]

logo

Da alcuni giorni Vodafone ha attivato a tutti i propri utenti due nuovi servizi, Ricezione Sms vocale e Notifica ricezione Sms vocale.

Il primo servizio consente di inviare un breve messaggio vocale (della durata massima di trenta secondi) a un altro utente Vodafone e viene proposto automaticamente quando l'utente chiamato non è raggiungibile (e non ha attiva la segreteria). L'utente chiamato viene avvisato della presenza di un nuovo "Sms vocale" tramite un tradizionale messaggio di testo. L'ascolto del Sms vocale è gratuito, mentre chi lo invia paga 29 centesimi.

Il secondo servizio è la notifica, tramite Sms, dell'avvenuto ascolto del Sms vocale lasciato. Questo secondo servizio è gratuito.

Sebbene i servizi siano per molti versi innovativi, la maggior parte degli utenti li ha intesi come un tentativo di Vodafone di rifarsi sui mancati introiti per i costi di ricarica, azzerati come noto dal decreto Bersani. Soprattutto gli utenti non hanno gradito la modalità di attivazione forzata di nuovi servizi a pagamento e stanno intasando in questi giorni il sito di Vodafone (e il call center) per disattivarli.

Visto l'elevato traffico, questa operazione risulta difficile e il sito "Fai da te" di Vodafone a moltissimi continua a rispondere di "riprovare più tardi".

Sui forum di Zeus News (nei commenti dei lettori qui sotto) troverete l'esatta procedura per disattivare i due nuovi servizi, nonché il comunicato ufficiale di Vodafone che chiarisce la posizione dell'azienda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 44)

ripeto, la mia ragazza per due squilli di pochissimi secondi, assolutamente non è stata ad ascoltare i 15 sec detti da vodafone, si è trovata due addebiti da 1 euro ciascuno essendo all'estero. se non fose scoppiata questa buriana non avremmo neppure saputo da cosa dipendesse, infatti senza saper ne leggere ne scrivere abbiamo cambiato... Leggi tutto
24-3-2007 18:21

Di tutto questo ho capito che va bene per il fatto che il ricevente non paga (e su questo si salvano...) però il chiamante era informato? Non ho idea se la voce che diceva di poter lasciare un messaggio vocale all'utente non raggiungibile indicasse anche i costi. Se non indicava i costi allora sì che il giochetto non è tanto pulito. Chi... Leggi tutto
24-3-2007 18:16

ma vedrai che la pagheranno, com'è giusto che sia, anche perchè obiettivamente la stanno facendo troppo sporca. Leggi tutto
23-3-2007 21:08

ma era ovvio che avrebbero alzato i nuovi piani tariffari! e se uno ha già il piano tariffario che problemi si fa? i nuovi abbonati ci perdono, è vero. io ho una scheda per operatore, la wind l'ho fatta a febbraio apposta.
23-3-2007 20:44

si si ma scusa cosa centra? si sta parlando di aumenti del 20% perchè sono stati obbligati ad abolire i costi di ricarica a vantaggio dei clienti, e di contro cosa fanno? aumentano così subdolamente le tariffe da una certa data? se fai 4 conti e ti metti nei panni di quelli che magari ricaricano 50 euro all'anno (io spendo anche meno)... Leggi tutto
23-3-2007 20:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2475 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics