Una (parziale) vittoria di Yahoo

Mentre l'Internet nostrano impazza sul "fas et nefas" di Google, il rivale storico segna un punto di una certa rilevanza mediante un accordo con Viacom.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-04-2007]

Vespa Lx125 Yahoo

Da qualche ora è scaricabile sotto licenza copyleft il volume edito da Feltrinelli Luci e ombre di Google con sottotitolo Futuro e passato dell'industria dei metadati; è già polemica anche se, come avverte il comunicato stampa, la versione cartacea è in parte difforme dalla versione digitale.

L'accusa principale si basa comunque su quanto già universalmente noto e ampiamente commentato: una pervasività che è difficile giudicare se e quanto non sia invece pura e semplice invasività circa i dati sensibili degli utilizzatori.

Non è che gli altri motori di ricerca siano da meno, anzi; tuttavia siccome stanno un po' nell'angolo rispetto al gigante di Mountain View, quest'ultimo a volte ci appare un po' antipatico come se si atteggiasse a primo della classe. Salvo poi chiamarlo in soccorso al primo accenno di difficoltà anche se, o proprio perché, a dar retta a uno studio riportato del Corriere della Sera, ben il 70% degli utenti Internet non sa effettuare le ricerche e si perde nel labirinto del cyberspazio.

Nel marasma tecnologico determinato dall'accavallarsi degli eventi e delle risorse, l'unico e vero irrinunciabile obiettivo è ormai la conquista di sempre maggiori spazi pubblicitari; un "imperativo categorico" come si diceva negli anni '70 o giù di lì.

In quest'ambito Yahoo sembra conquistarsi sempre maggiori spazi, come ha fatto da ultimo stipulando un accordo di partenariato con un big dei media del calibro di Viacom, come dire MTV, Paramount Picture e altri.

Attraverso la sua nuova piattaforma pubblicitaria Panama, Yahoo sponsorizzerà filmati in catalogo su una trentina di siti riferibili a filiali Viacom, in attesa di estenderla ad altri centocinquanta circa ripartiti un po' dappertutto sul globo.

Secondo una voce attribuita a Philippe Daumann, direttore esecutivo di Viacom, "Yahoo ha fatto progressi impressionanti nel suo sistema di marketing online introdotto all'inizio di quest'anno; il rinnovato sistema di gestione dei link sponsorizzati permette agli inserzionisti di indirizzarsi più dettagliatamente alle preferenze degli internauti, contrastando efficacemente la tecnologia Adwords messa in campo da Google".

L'impressione generale che si riporta dal susseguirsi di questo genere di comunicati tuttavia è desolatamente una sola e cioè che tutti quanti mirino soltanto alla disponibilità finanziaria dei possibili acquirenti, presi in un sistema che, invece di indirizzarsi alle loro preferenze, subdolamente ne indirizzi le "preferenze" verso i prodotti meglio visti dagli inserzionisti.

Come dire che i prossimi corsi sull'informatica di base, invece di insegnare a navigare su Internet, dovranno spiegare come starne alla larga o, almeno, ad allacciarsi il salvagente prima di tuffarsi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1755 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics