Google Earth per smascherare gli evasori fiscali

Il software viene utilizzato per misurare le superfici agrarie e verificare che corrispondano con i dati dichiarati dai proprietari terrieri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-07-2007]

In Argentina le autorità fiscali di Buenos Aires hanno un alleato in più per smascherare gli evasori. Grazie alla visione satellitare di Google Earth, infatti, l'ufficio delle tasse può misurare le superfici effettive dei terreni e confrontarle con quelle dichiarate dai proprietari, verificando se le informazioni corrispondono.

Pare infatti che da quelle parti sia molto diffusa l'abitudine di dichiarare una superficie minore per pagare meno tasse. Ma adesso gli evasori fiscali non dormiranno sonni tranquilli.

Le autorità argentine segnalano che un altro tipo di illecito smascherato attraverso l'utilizzo di Google Earth è l'edilizia abusiva, non solo per la costruzione ex novo ma anche per l'ampliamento di case e ville, senza che il fisco venga informato dell'aumento di rendita catastale.

Tempi duri insomma per chi è solito evadere le tasse. Chissà se anche da noi a qualcuno del ministero verrà la brillante idea di cogliere sul fatto gli evasori utilizzando un software alla portata di tutti e scaricabile gratuitamente (per lo meno nella versione base), o se si continuerà a spendere tempo e denaro nel fondare isolette di dubbia utilità su Second Life.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dario Meoli (ZEUS)

Approfondimenti
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Anche perché risulterebbe che pagano più di quello che possiedono... Magari volevi dire 1,1 o 1,2 x (se vai sotto l'1 vai sotto il valore dichiarato, non è che lo alzi di meno) Leggi tutto
24-7-2007 18:34

Visto lo stato pietoso in cui si trova la cartografia catastale italiana sarebbe più facile rifarla da zero piuttosto che eseguire dei controlli per beccare gli sbagli e comunque se un tecnico presentasse in catasto un piano per l'inserimento in mappa di una particella dichiarando una superficie 3, 4 o 10 volte più piccola del reale... Leggi tutto
24-7-2007 18:01

Ribadisco il concetto: se il contribuente dichiara una superficie di x metri quadri, e da Google Earth per ipotesi dovesse risultarne una di 3 o 4 o 10 volte x, allora in quel caso scattano i controlli e misurazioni più precise. Non si mette certo su un sistema impreciso per andare a beccare chi dichiara superfici di 0,9 o 0,8 volte x. Leggi tutto
24-7-2007 13:57

in effetti, se vai col puntatore in qualunque posto sull'oceano atlantico dice che ha un altitudine di più di 0 metri sul livello del mare...
24-7-2007 10:54

Tempo fa ho potuto parlare con un rappresentante di una ditta che si occupa di raster GIS e mi ha detto che avevano provato a georiferire della loro cartografia su Google Earth ma non sono mai riusciti a ottenere un risultato corretto e secondo loro Google introduce delle deformazioni nelle proprie immagini. Anch'io recentemente ho... Leggi tutto
24-7-2007 10:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics